Maurizio Mattioli, dall’accusa di spaccio al dramma: cosa fa oggi

Attore, comico e doppiatore, Maurizio Mattioli è un volto apprezzatissimo della televisione. Brutte disavventure però lo hanno tenuto lontano dagli schermi per un bel po’.

Classico romanaccio bonario, Mattioli nella sua lunga carriera ha sempre avuto un grande successo tra il pubblico di ogni età. Dai film con Massimo Boldi alle commedie di Jerry Calà, è entrato subito nel cuore dei telespettatori per il suo fare grezzo ma mai sopra le righe. Portavoce di quella romanità che funziona nei film e che rispecchia moltissimo i tratti simpatici e scanzonati degli abitanti delle “borgate”. La sua carriera cinematografica inizia prestissimo, negli anni 70. Comincia interpretando ruoli minori e riesce a farsi conoscere al grande pubblico. Nella sua vita ha preso parte a circa 100 film, sempre con la parte del caratterista.

Come dimenticare la sua interpretazione nel film cult “Tifosi”, insieme a Massimo Boldi e Angelo Bernabucci. Ha partecipato anche a cinepanettoni, al fianco della coppia Boldi-De Sica. Spalla comica sempre spigliata, anche Jerry Calà lo ha spesso scelto per le sue commedie. Anche fiction nel suo curriculum. Dai “I Cesaroni” a “Un ciclone in famiglia”. Vanzina, Parenti e Corbucci sono i registi con i quali ha lavorato di più, sempre in ruoli comici fatti su misura per lui. Qualcosa però nella sua brillante carriera è andato storto.

Maurizio e la sua difficile vita  

Nella carriera di Maurizio non sono mancati momenti bui che lo hanno visto scivolare ai margini per un lungo periodo di tempo. Episodi molto gravi accaduti hanno condizionato la sua carriera in maniera quasi irreversibile. Nel 1995 infatti lo arrestano per spaccio di cocaina. La pena che dovette scontare fu pesante. Un mese di detenzione nel carcere di Napoli. Nel 1996 il tribunale lo rinvia a giudizio nell’ambito di una inchiesta che coinvolgeva anche tantissimi altri personaggi dello spettacolo dell’epoca. Riuscì a essere poi completamente scagionato dalle accuse.

I suoi drammi però non finisco qui. Nel 2014 la sua vita fu sconvolta dalla perdita della moglie Barbara. La compagna di una vita infatti rimase vittima di un gravissimo incidente stradale. Rimase paralizzata per molti anni e il dolore per Maurizio fu straziante. Cercò di assisterla, ma poteva fare ben poco vista la situazione. Non le ha mai fatto mancare il suo amore anche negli ultimi tremendi momenti della sua vita. Si spense infatti qualche anno dopo e da allora Maurizio affronta il calvario del lutto.

Ad oggi è ancora riconosciuto come un grandissimo attore, nonostante non si parli molto di lui. Il segreto del suo successo è proprio quello di apparire come una persona vera, vicina alle persone semplici. Nei cinepanettoni la sua presenza è irrinunciabile per dare un tocco di colore alla pellicola. Nei numerosissimi film a cui ultimamente ha preso parte, non si è mai smentito. Il pubblico ritrova in lui esattamente quello che si aspetta: comicità e risate.