Gerry Scotti, la verità dietro la separazione: “Mi vergognavo…”

Dopo tanto tempo, il conduttore Gerry Scotti ha rivelato un retroscena dietro la separazione dalla moglie

E’ passato tanto tempo dal divorzio di Gerry Scotti dalla moglie Patrizia Grosso. I due sono stati sposati per una decina d’anni, dal 1991 al 2002 e dal loro amore è nato il figlio Edoardo, che oggi è un giovane uomo che ha da poco avuto una bambina.

 

La notizia della separazione arrivò come un fulmine a ciel sereno, dal momento che la coppia si era sempre mostrata molto affiatata. La donna è sempre stata molto riservata, ma dalle poche foto che le sono state scattate all’epoca, si poteva ben vedere la sua felicità.

I due non avevano mai voluto rivelare le cause del divorzio e per un po’ girarono i pettegolezzi più assurdi. Oggi entrambi hanno ricominciato una nuova vita al fianco di altre persone.

Gerry Scotti, la verità dietro la rottura

Oggi Gerry Scotti è felice insieme all’avvocato Gabriella Perino. I due vivono insieme a Milano, lei non lavora nel mondo dello spettacolo e tiene molto alla sua privacy. Entrambi divorziati, si sono conosciuti grazie ai rispettivi figli, che andavano a scuola insieme. In realtà, si erano incontrati per la prima volta molti anni prima, ma grazie ai bambini hanno ripreso i rapporti.

Anche l’ex compagna del presentatore sembra essersi rifatta una vita. Non è facile reperire informazioni sul suo conto, ma pare che ora sia legata a un altro uomo.

Qualche tempo fa il volto di Caduta libera si è sfogato in una lunga intervista e, come riporta anche KontroKultura, ha rivelato la verità sulla fine del suo primo matrimonio.

gerry scotti

Il matrimonio è finito perché lo showman passava troppo tempo al lavoro e così facendo avrebbe trascurato la compagna che si è innamorata di un’altra persona. Il divorzio è stato molto difficile per lui, preoccupato che avrebbe potuto diventare un trauma per il figlio, che all’epoca aveva solo 10 anni. Queste le sue parole: “Quando ho capito che si era rotto un vaso che non si sarebbe più aggiustato ne ho sofferto molto. Non mi sono mai vergognato di niente, ma quando mi sono separato per poi arrivare al divorzio mi vergognavo di aver finito la storia della mia famiglia. Ho dovuto fare le valigie e uscire da casa mia, il posto dove era nato e viveva mio figlio“.