Giorgio Armani, la drammatica morte del compagno: quella maledetta malattia

Una malattia che ha devastato la felicità di Giorgio Armani. La confessione della scomparsa del compagno è davvero tragica 

 

Sono passati molti anni da quando Giorgio Armani si è trovato di fronte ad un dramma dal quale è stato molto difficile uscirne. Stiamo parlando della perdita del compagno, la cui vita è stata portata via a causa di una brutta malattia. Giorgio Armani è considerato uno degli imprenditori più grandi e di successo d’Italia.

Giorgio Armani

Molti sanno che è suo il merito di aver fondato l’omonima azienda. Dal 1975 il suo è uno dei marchi della moda più ricercato al mondo. Ogni sua collezione è caratterizzata da uno stile di classe, ricco di eleganza ed alto profilo. Il suo successo è stato tale da portare diversi registi ad utilizzare i propri abiti, anche sui set cinematografici.

Basti ricordare volti noti come Penelope Cruz, Richard Gere, Christian Bale e Leonardo DiCaprio. Molti sono coloro che hanno tratto ispirazione all’interno del mondo della moda dallo stesso Armani. Inoltre egli è riuscito ad ottenere successo anche in campo sportivo. Nulla ha potuto, però, il successo di Giorgio Armani contro uno dei momenti più tristi della sua vita.

Giorgio Armani e la malattia che ha portato via il compagno

Giorgio Armani

La perdita del suo amato compagno, per una patologia devastante. Nella sua esistenza, Armani, ha avuto soltanto una grande storia d’amore. Purtroppo però è terminata a causa di una terribile malattia, la quale gli ha portato via l’unica persona che abbia veramente amato. Stiamo parlando di Sergio Galeotti, il co-fondatore dell’azienda di Amani ed architetto italiano.

È stato proprio lui ad offrire al famoso stilista tutto l’appoggio necessario che gli è servito per arrivare fino al successo. Nel 1985 Sergio è scomparso prematuramente all’età di 40 anni. Giorgio Armani ha fatto coming out solo all’inizio di questo secolo, affermando che ogni cosa creata è stata fatta per Sergio. Ovviamente ha sottolineato anche che lo stesso vale per il lavoro fatto da Sergio.

Poiché tra i due vi era una differenza di età di ben 10 anni, è stato lo stesso stilista ad ammettere che inizialmente vedeva Sergio come un figlio. Però le cose sono cambiate poi con il passare del tempo. “Si è evoluto in qualcosa di differente. Amore è un termine riduttivo. Era una grande complicità, nei confronti della vita e del resto del mondo”.

Ed è proprio con queste parole che l’imprenditore ha voluto omaggiare uno degli uomini più importanti della sua vita. Uomo che sembra avere lasciato in lui un vuoto che non potrà mai essere colmato.