Eleonora Daniele, la dichiarazione sconvolgente: “È stata barbaramente uccisa”

Eleonora Daniele parla di una vicenda da film horror. Barbaramente uccisa di fronte ai parenti, le dinamiche da brividi 

 

A riprendere la notizia è la stessa BBC e, a quanto pare, è poi confermata anche da diversi emittenti locali con molte testimonianze in merito. La notizia sta facendo il giro del mondo, la donna era anche incinta di 6 mesi ed è stata barbaramente giustiziata di fronte ai suoi parenti.

eleonora daniele

In base a quanto riportato fino ad ora, sembra che la morte dell’agente sia avvenuta mediante l’invio di sicari direttamente nella propria abitazione. Il tutto mentre passava del tempo all’interno delle mura domestiche. È stata una vera e propria esecuzione avvenuta davanti agli occhi di tutti gli affetti ed i cari della donna.

Un delitto a causa del quale segna la fine della promessa fatta dagli estremisti i quali, ricordiamo, sono tornati al potere dopo passati 20 anni dalla caduta dell’Emirato Islamico. Difatti, avevano promesso di porre fine alle persecuzioni nei confronti delle forze dell’ordine del vecchio regime. Ma questo avvenimento così brutale rende vana ogni promessa fatta.

La barbara uccisione di una poliziotta, le parole di Eleonora Daniele

eleonora daniele, agente uccisa

Di questo tragico avvenimento parla anche Eleonora Daniele, la quale dichiara il suo pensiero in merito alla poliziotta uccisa nella provincia di Ghor a Firozkoh. “È stata barbaramente uccisa all’interno della sua abitazione a Firozkoh, nella provincia di Ghor(Afganistan), l’ex agente di polizia Banu Negar, incinta di sei mesi e già madre di un altro bambino”.

“A commentare il crimine, secondo quanto riferito dal giornalista afghano Bilak Sarwary e dalla BBC, un gruppo di sicari inviato dai talebani, che avrebbero deciso di perseguitare i poliziotti appartenenti al vecchio regime di Ashraf Ghani. Credo che il volto di questa donna debba rimanere impresso nelle nostre menti perché non si può essere indifferenti”. Un’agente impiegata nella prigione locale, di nome Banu Negar, è stata uccisa dai talebani in un modo brutale e senza pietà. Davanti ai suoi parenti.

Poi la Daniele conclude dicendo che, finché accade tutto ciò, nessuno di noi può dirsi realmente libero. Non esiste il silenzio quando accade ciò. Sono avviate proteste da decine di donne, le quali sono scese in piazza proprio per poter mettere un punto a tutti questi avvenimenti tragici. Tuttavia i talebani hanno risposto ancora una volta con la violenza, con lacrimogeni e bastonate.

Eventi di questo genere nel 2021 non si dovrebbero più presentarsi. Eppure esistono ancora degli episodi, in alcune parti nel mondo, in cui le donne sono continuamente prese di mira e trattate in modo alquanto barbaro ed ingiusto.