Antonella Clerici, la confessione straziante: “…un melanoma maligno”

Antonella Clerici parla di un orrendo melanoma maligno. La scoperta, ovviamente tragica, ha messo in ginocchio la conduttrice 

Non tutti conoscono questo lato della vita privata di Antonella Clerici. La conduttrice Rai ha raccontato tutto. Ecco di cosa si tratta. Da anni la conduttrice ricopre il ruolo di ambasciatrice dell’Airc, ossia l’Associazione italiana per la ricerca sul cancro. La Clerici è molto orgogliosa di questo suo impegno, in quanto in passato si è ritrovata anch’essa ad affrontare un problema molto importante dovuto a questa malattia.

antonella clerici

Durante un’intervista rilasciata al settimanale Di Più Tv, l’ex conduttrice de La Prova del Cuoco ha confessato la morte di un suo caro nel 1995. Tutto a causa di un melanoma maligno, che le ha portato via una parte del suo cuore in soli tre mesi. Oggi, ci sono molte più possibilità di salvezza, nel momento in cui si scopre di essere affetto da questa malattia.

Nonostante ciò, persiste comunque il dubbio che sarebbe potuta sopravvivere. Anche perché il suo male è stato molto aggressivo. Però, se tutto ciò fosse accaduto in un periodo della conoscenza medica come quello attuale, avrebbe vissuto più a lungo e sofferto sicuramente di meno. D’altronde sappiamo bene che la prevenzione è molto, molto importante. Ma a chi ha dovuto dire addio la Clerici?

Antonella Clerici ed il drammatico saluto a causa del melanoma

antonella clerici

Per questo motivo la prevenzione è una parte molto importante in ogni tipo di otto ad una patologia. Antonella Clerici, anche perché è stata toccata personalmente da questa tipologia di problema, è molto orgogliosa di essere l’ambasciatorice di Airc. Svolge il suo compito con responsabilità, anche per sua madre. Ebbene sì, è proprio sua madre che è venuta a mancare a causa del melanoma nel 1995.

La conduttrice conclude la sua confessione con un messaggio decisamente importante. “Ho capito che la prima regola che tutti noi dobbiamo scrivere nella mente è: “Cerchiamo di volerci più bene. Facciamo prevenzione, ascoltiamo che cosa ci dice il corpo”. Se sentiamo che qualcosina non va, non rimandiamo. Vale la pena amarci, perché la vita va coccolata, è un grande dono, a volte molto fragile”.

La fondazione Airc è nata nel 1965, creata per la ricerca e la prevenzione contro il cancro. Tale associazione si occupa della raccolta fondi e del finanziamento di progetti volti alla ricerca oncologica. Inoltre, assegna borse di studio a giovani ricercatori per poter migliorare le conoscenze e le abilità nella battaglia contro questa patologia così aggressiva.

La fondazione ogni anno si occupa di riorganizzare degli investimenti. Difatti, dopo aver eseguito una valutazione con un comitato scientifico, distribuisce i fondi raccolti ai progetti che sono considerati più validi e promettenti.