Dodi Battaglia sulla morte della moglie: la confessione sulle vere cause

Il grande chitarrista torna a parlare della morte della moglie, un dolore che gli ha cambiato la vita e che ancora non riesce ad andare via.

Dodi Battaglia, chitarrista storico dei Pooh, uno dei più grandi musicisti italiani, ha subito un dolore che gli ha cambiato la vita. La morte di sua moglie, Paola Toeschi, lo affligge ancora oggi e non riesce a darsi pace. Una vita passata con la passione per la musica, che gli ha dato tanto. Autore di grandissimi successi della musica italiana, come “Chi fermerà la musica”, “Piccola Katy”, “Dammi solo un minuto”, “Pensiero”, “Uomini soli“, continua ancora oggi a suonare come solista in giro per l’Italia. Dotato di una tecnica sopraffina, ha fatto scuola per moltissimi altri musicisti arrivati dopo, grazie al suo approccio raffinato ma deciso.

dodi battaglia

Con il successo arrivato quasi subito, la vita vita privata di Dodi è finita spesso sulle copertine gossip. Il talentuoso chitarrista, infatti, ha tre figli nati da altrettante relazioni. Dalla storia d’amore con Luoisi Van Buren, sono nati Elisabeth e Serena Grace, mentre dal legame con Loretta Lanfredi è nato Daniele Battaglia. Infine, dalla sua ultima moglie, Paola Toeschi è nata Sofia, nel 2005. Storie sempre molto difficili, che forse non hanno dato a Dodi la serenità che avrebbe meritato. Soprattutto l’ultima esperienza è stata per lui straziante.

Dodi e il dolore per Paola, le vere cause della sua morte

dodi battaglia

L’ultima moglie, Paola, venuta a mancare poco tempo fa, lavorava nel mondo dello televisione come attrice e a numerosi spot pubblicitari. L’amore tra i due è nato grazie a un colpo di fulmine. Entrambi uscivano da storie d’amore molto difficili ed erano in un momento molto difficile della loro vita. Cosi in poco tempo si sono conosciuti e hanno riscoperto l’amore. Paola Toeschi ultimamente aveva però scoperto di avere un tumore al cervello. Dal 2010 si è sottoposta a numerose cure.
Aiutata dal marito, Paola negli ultimi anni di vita si era molto avvicinata alla religione, ritrovando quella fede che le ha dato la forza di non arrendersi. Insieme al marito Dodi ha intrapreso un percorso spirituale ispirato alla Madonna di Medjugorie.  Ha raccontato Paola Toeschi: “A Medjugorjie sono andata per la prima volta nel giugno del 2013. Non so cosa mi sia successo. So però che da quel momento ho iniziato ad avere una gioia intensa, quel luogo mi ha trasmesso un’energia enorme. Ho iniziato a pregare, a ringraziare la Madonna per il regalo che mi aveva dato. Ho ringraziato per la malattia, perché se non ci fosse stata non avrei potuto avere questa esperienza”. Purtroppo, stavolta, anche la fede non è bastata.