Terence Hill se n’è andato: stavolta non lo vedremo più lì

Terence Hill ci dice definitivamente addio. Il saluto che commuove parenti ed amici dopo un lungo percorso  

 

Un’Italia diversa, 20 anni di storia in cui è successo di tutto. L’unica certezza è stata quel sacerdote detective in grado di salvare il mondo affiancando ad alcuni carabinieri. La scena è sempre la stessa. Terence Hill, scende dalla bicicletta, toglie la tonaca di Don Matteo ed esce poi di scena molto misteriosamente proprio così com’era arrivato.

bud e terence

Mario Girotti, questo è il vero nome dell’attore, ha ben 50 anni di carriera. È conosciuto soprattutto per aver affiancato l’amico e collega Bud Spencer nel genere dei film Western. Un genere che ha fatto innamorare grandi e piccini tenendoli incollati allo schermo. E quelle immense pentole di fagioli che abbiamo mangiato anche noi con tanto gusto. Son passati ben 22 anni dalla messa in onda della prima puntata di Don Matteo, di cui sono state girate ben 259 puntate.

Il ruolo di Terence Hill ha trovato già un sostituto. A vestire i panni di un sacerdote sarà Raoul Bova. Il tutto è stato progettato perfettamente, Bova andrà alla ricerca di Don Matteo, a bordo di una moto. Questo accadrà dal quarto episodio della stagione 13. Terence Hill, ormai 82enne, ha detto addio alla serie almeno per il momento.

Terence Hill saluta Don Matteo

terence hill

È stata una lunghissima esperienza, una lunga avventura televisiva che ha ottenuto subito degli ascolti record dato che il sacerdote detective è uno dei più amati dai telespettatori. Don Matteo è uno dei personaggi più longevi della televisione, sono numerosi i fan che hanno seguito sempre con attenzione le sue avventure. Un addio, quello di Terence Hill, che ha lasciato un po’ di vuoto dei cuori del pubblico.

Tuttavia sono arrivati anche i ringraziamenti e le lacrime di commozione dall’intera produzione. Difatti, lo stesso produttore della serie Tv parlando dell’addio di Terence Hill, ha dichiarato “E’ vero, Terence ci lascia ma vogliamo interpretare questa frase non in senso negativo, anzi positivo”.

“Vogliamo pensare all’eredità che Terence ci lascia in termini di dedizione, fedeltà e di amore per Don Matteo e per tutti i telespettatori che in questi 20 anni ci hanno seguito”. Come un padre che guarda da lontano crescere i suoi figli, parole bellissime che il produttore dedica al grande Terence Hill.

Continua dicendo che questo fa sì di dover potare avanti con la stessa dedizione il progetto televisivo, senza lasciare nulla indietro. Un dovere che va a braccetto con i telespettatori della serie e con lo stesso Terence Hill.