Katia Ricciarelli, il racconto tragico: il corpo ritrovato esanime

Una donna forte e sicura di sé, Katia Ricciarelli è sicuramente un esempio. Ma, nascosto, vive un dramma incredibile 

 

Katia Ricciarelli ha voluto condividere con tutti i suoi fan uno dei momenti più terribili vissuti durante la sua esistenza. Ecco la sua rivelazione. Nel momento in cui la Ricciarelli si è seduta nel salotto di Silvia Toffanin, ha voluto raccontare a cuore aperto alcuni eventi molto difficili. Una rivelazione shock, soprattutto se si pensa al fatto che rivela di aver avuto addirittura pensieri raccapriccianti.

katia ricciarelli

Sono queste delle parole totalmente inaspettate da parte di una delle donne che, con il passare degli anni, è stata in grado di ottenere un successo senza eguali. Non ha nascosto nessun dettaglio nel momento in cui ha raccontato l’episodio, scegliendo di non omettere il fatto che stava attraversando uno dei periodi più bui della sua esistenza.

“A Venezia conobbi un benedettino che dava lezioni di canto gregoriano. Io avevo 18 anni, lui 33. Mi trattava come una figlia. Finì per convincermi che la mia vocazione era per la vita monastica”. L’artista ha continuato l’intervista in questione affermando che l’uomo l’ha persino fotografata nel momento in cui aveva indosso un abito da suora.

L’incubo di Katia Ricciarelli

katia ricciarelli

Con il passare dei giorni, Katia si era resa conto che da parte di quest’uomo c’era un forte sentimento di amore anche se non poteva fare a meno di non notare un problema abbastanza importante. Visto che per lui era impossibile averla, l’uomo stava facendo di tutto per fare in modo che Katia Ricciarelli non potesse stare con nessun altro.

Questo fu per lei soltanto l’inizio di un incubo difficile da superare. “Mi sentii tradita. Lui reagì facendomi passare per matta. Diceva delle cose che poi si rimangiava, sostenendo che erano un parto della mia fantasia”. L’artista continua il suo racconto affermando che, esasperata da questa situazione, tentò il suicidio utilizzando dei sonniferi all’interno del suo alloggio di Campo San Canzian.

Grazie alla madre, la donna, oggi può dire di aver superato al meglio ogni cosa in quanto è stata proprio lei a ritrovarla esamine ed a darle soccorso. Sono queste delle parole molto dure da accettare che però ci fanno capire che, anche dietro un personaggio così grande come quello di Katia Ricciarelli, si nasconda un animo molto sensibile e fragile.

Questo racconto di sicuro ha lasciato molti fan senza parole, anche se sembra un qualcosa che ancora oggi continua ad accadere a molte persone. Attraverso le parole dell’artista è possibile capire quanto sia importante tenere gli occhi aperti, perché basta un attimo per cadere in una delle trappole che si incontrano lungo il nostro percorso.

Per aiutare a superare questo momento, l’unica soluzione è quella di aprirsi con altre persone. Solo così si riesce a ricevere l’aiuto necessario per affrontare queste situazioni che, se non prese in tempo, possono portare a decisioni drammatiche.