Gianluca Grignani, l’intervista surreale dalla droga alla morte improvvisa: aveva 12 anni

Il cantante Gianluca Grignani si è lasciando andare in un’intervista shock, rivelando retroscena sconvolgenti

Tutti sono rimasti sconvolti durante l’intervista di Gianluca Grignani la puntata di Verissimo. Si è lasciato andare completamente e ha raccontato alcuni particolari inediti del suo passato. Nessuno si aspettava una cosa del genere.

 

gianluca grignani

Di solito, siamo abituati a vedere l’artista in atteggiamenti diversi, decisamente più sereni. Nessuno, neanche il suo più grande fan, si sarebbe mai aspettato dei retroscena simili. Così, sul piccolo schermo è andato in onda un servizio folle, un’intervista formata da un vero e proprio fiume in piena di parole, a volte sconclusionate.

E’ stata un’esperienza sicuramente emozionante e la stessa conduttrice si è commossa. Davvero un evento inaspettato, considerando che l’interprete di La mia storia fra le dita si era presentato in studio con il solito cappello da cowboy.

Gianluca Grignani, l’intervista shock

Nessuno si aspettava che l’ospitata di Gianluca Grignani a Verissimo avrebbe preso una piega del genere. Soprattutto non se lo aspettava Silvia Toffanin, che è stata presa in contropiede e si è spesso vista imbarazzata.

Il cantante ha esordito raccontato alcune caratteristiche del suo carattere, come il fatto che non gli piace vivere i bei momenti. Infatti, in generale non li cerca: “Sono un uomo in divenire, non amo i bei momenti. Non li voglio i bei momenti“. La presentatrice, allora, gli ha chiesto come si fosse sentito alla nascita dei suoi quattro figli e lì la situazione è degenerata.

Dopo il riferimento alle sue creature, l’artista milanese ha vistosamente cambiato mood. Da questo momento (dopo aver aggiunto che ama i suoi figli, ma che tre abitano con la madre mentre solo la più grande con lui) lo show ha seguito uno sviluppo sicuramente non previsto.

Il tutto, in seguito, è ulteriormente degenerato quando si sono toccati due argomenti decisamente difficili: la droga e la morte.

gianluca grignani

Gianluca Grignani è scoppiato in lacrime ricordando un evento traumatico della sua infanzia: quando era piccolo, infatti, fu vittima di un pedofilo e ha criticato la scelta dei genitori di non proseguire penalmente. Poi, in modo sconnesso, è arrivato a parlare della droga: “La parola droga non deve essere usata perché nel bene o nel male le fai pubblicità“. Infine, piangendo, ha citato una certa Stefania: “Vivo vicino alla casa in cui morì Stefania a 12 anni, una mia amica di quando ero piccolo. Mi sono dimenticato di lei per tanti anni“. Sicuramente una puntata fuori dal comune.