Il dramma di Damiano dei Maneskin: la malattia senza cura definitiva

Il cantante della band italiana più famosa del momento sta vivendo un periodo davvero difficile. Nonostante tutto, non si arrende

Qualche anno fa era solo un gruppo di ragazzini che aveva voglia di stare insieme, suonare e divertirsi. Oggi sono la più famosa rock band italiana. E’ successo tutto in fretta per Damiano e gli altri: la vittoria al Festival di Sanremo li fa salire sul tetto del mondo. Vincono infatti anche l’Eurovision Song contest: era dal 1992 con Toto Cotugno che non succedeva. Ultimamente li abbiamo visti al Tonight show di Jimmy Fallon, dove hanno annunciato che apriranno il concerto nientemeno che dei Rolling Stones.

 

Damiano in particolare è il co-fondatore della band, insieme alla bassista Viktoria de Angelis. Damiano, istrionico sul palco, è un personaggio che sta avendo molto successo per via del suo modo da bello e ribelle. Il più esperto, sul palco si muove con grande disinvoltura: con le sue movenze e i suoi vestiti richiama il vero stile delle rock star di un tempo. Damiano si è reso protagonista anche di gesti provocatori, insieme a Victoria: tra i due pareva esserci qualcosa di più di una semplice amicizia, ma hanno sempre smentito questa voce. 

Damiano e la battaglia che combatte insieme alla sua compagna

Damiano è fidanzato con Giorgia Soleri, 25enne dal carattere anche lei forte e deciso. Influencer con quasi 150mila followers su Instagram, si è spesso schierata per i diritti delle persone omosessuali e trans. Si è infatti dichiarata bisessuale e fortemente femminista. Giorgia è una persona molto sicura di sé e che non perde occasione per parlare della sua causa, ma allo stesso tempo è una persona molto fragile che Damiano sta cercando di aiutare in tutti i modi.

Giorgia infatti soffre di vulvodinia, una malattia ginecologica, caratterizzata da una infiammazione della vulva. Giorgia avverte spesso dei bruciori fortissimi e un dolore costante in molte occasioni della sua vita intima. E‘ una malattia molto debilitante di cui soffre una donna su 7 in Italia: è definita “invisibile”, perché molto difficile da individuare. Giorgia usa spesso i social per sensibilizzare tutti su questa malattia, ancora non riconosciuta dal sistema sanitario e per cui non esiste una cura.