Terence Hill, il dolore che l’ha devastato: di peggio non si può provare

Una vita difficilissima per il popolare attore: un incredibile ostacolo da superare, che ancora oggi lo fa soffrire. Ecco di cosa si tratta

Secondo di tre figli, madre tedesca e padre italiano, Terence Hill è uno degli attori più popolari della televisione italiana. Si trasferisce con i genitori in Sassonia, fuggendo dai bombardamenti della guerra. Da lì la famiglia si trasferisce a Roma e Terence inizia ad appassionarti al nuoto. Grazie a questa passione farà la conoscenza con Carlo Pedersoli, ovvero Bud Spencer, il suo fraterno amico e compagno di scazzottate nei film. Luchino Visconti, uno dei più grandi registi italiani, lo vorrà poi nel film “Il Gattopardo“.

 

Il vero successo arriva quando inizia a far coppia fissa con Bud Spencer. E pensare che nacque tutto per caso. Terence sostituì infatti Peter Martell in “Dio perdona…io no!”, perché l’attore si era fatto male e dopo fu anche scelto per per recitare in “Lo chiamavano Trinità“. Da lì in poi i film con Bud Spencer sono entrati nel cuore di tutti gli italiani: occhi azzurri, fisico da atleta, un improbabile e paradossale “duro” nei film “spaghetti-western“. Il segreto del successo è proprio la magia e la complicità che si creava tra Bud e Terence sul set.

Il dramma di Terence: ancora oggi soffre moltissimo

Terence ha vinto il David di Donatello alla carriera nel 2010 insieme a Bud Spencer e nel 1999 i due sono stati inseriti ai primi posti della classifica del Time riguardante gli attori italiani più famosi al mondo. Una vita di successi e di primi quindi, ma anche di momenti tragici che hanno messo a dura prova l’attore. Anche l’invincibile pistolero che combatte e vince contro tutti, stavolta si deve arrendere. Il dolore lo perseguita tutt’oggi: tragedie cosi non si dimenticano facilmente.

Tutto ha inizio quando incontra Lori Zwicklbauer: con lei è amore a prima vista. Decidono anche di avere un figlio: nasce Jess, una bimba. Decidono poi di adottare Ross. Il piccolo cresce, fino però a quando non incontra il suo destino. Mentre stava tornando a casa in auto, Ross scivola su una lastra di ghiaccio sulla strada. L’urto contro un albero è tremendo e il giovane perde la vita sul colpo. Terence attraverserà un periodo molto lungo in cui soffrirà di depressione e abbandonerà anche la carriera di attore. Solo con “Don Matteo” tornerà a recitare e a sorridere.