Fiorello, la confessione drammatica: “Il corpo fuori dalla finestra”

Il noto comico Fiorello ha lasciato tutti a bocca aperta con questa dichiarazione: ecco di cosa si tratta

Oggi Fiorello è uno dei personaggi più noti. Siamo abituati a vederlo sempre sorridente e le sue battute sono diventate molto famose con il tempo. La sua carriera è iniziata come animatore turistico, fino a sbarcare prima in radio e poi in tv. Oggi lo adorano tutti e siamo abituati a vederlo sempre spensierato, quindi nessuno poteva sospettare quello che ha dichiarato poco tempo fa.

 

Durante la sua vita ha svolto tante professioni diverse, pur continuando a coltivare una grande passione per la recitazione. Ha cominciato a dimostrare il suo talento esibendosi come comico, finché non fu notato da Pippo Baudo durante un provino. Tuttavia, nonostante il grande presentatore sia noto per aver scoperto tanti talenti (in primis Lorella Cuccarini) quella volta non fu convinto e lo bocciò. Anni dopo ha ovviamente riconosciuto il suo errore.

La fama vera e propria è arrivata negli anni ’90, quando ha iniziato a farsi riconoscere con il karaoke. In quegli anni il suo lungo codino scuro divenne un simbolo di quel periodo ed era considerato uno dei ragazzi più belli dell’epoca. Per questo, ha avuto relazioni con alcune delle donne più affascinanti, prima fra tutte Anna Falchi.

Fiorello, il retroscena che nessuno conosceva

Tutti sanno che Fiorello è molto stimato e viene invitato spesso a diversi programmi. Poco tempo fa è stato ospite a Il muschio selvaggio, il noto podcast gestito da Fedez e Luis Sal. In questa occasione il cabarettista siciliano ha raccontato un evento della sua vita privata che nessuno conosceva. Sono tutti rimasti stupiti.

Questo evento risale a diversi anni fa, quando lui andato a fare il militare. Ha raccontato che uno dei suoi compagni soffriva molto la situazione e una sera il tutto è degenerato.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Tiktokfan (@tiktokfanitaliano)

C’era uno sardo, incazzato nero, piccolo e largo. E diceva che non doveva stare là ma doveva lavorare […] Cosi gli fanno il gavettone. Lui si alza, esce dalla nostra camerata, va verso la camerata dei ‘nonni’. Prende il capo ‘nonno’, una forza inaudita, sembrava il nano del Trono di Spade. Lo trascina e gli dice ‘adesso ti faccio fuori‘, e lo mette con mezzo corpo fuori dalla finestra. Poi ci dividono tutti, lui non fu più toccato. Io dicevo ‘sono amico del sardo’”. Un episodio davvero sconvolgente.