Silvia Toffanin confessa l’inedito difficile periodo: “Non si muoveva…”

Silvia Toffanin svela un dettaglio del suo passato impensabile. Ecco che cosa ha vissuto, il momento difficile della sua vita 

 

La conduttrice di Verissimo, Silvia Toffanin, ormai conosciuta in tutto il paese grazie alla sua incredibile bravura nel portare avanti una delle trasmissioni più seguite di casa Mediaset. Una professionista veramente eccezionale, che macina consensi su consensi.

Silvia Toffanin ricordo

Gode ormai di una fama incredibile che le riconosce tutela. Infatti il suo programma e tra i più seguiti nel nostro paese, nonostante sia passato da uno a due appuntamenti settimanali nel giro di un anno. Infatti è stata riconfermata proprio per la sua capacità di saper entrare nel cuore del grande pubblico. Tuttavia, la sua vita privata, non la rende pubblica come quella professionale.

Infatti, lei stessa è restia a rilasciare interviste che riguardano la sua sfera del quotidiano. Quando è lontana dai riflettori, custodisce la sua privacy con gelosia. C’è stato solo un momento, nonostante non ami parlare neanche nelle interviste, in cui ha portato a galla dei particolari eventi che ha vissuto nella sua vita. E oggi siamo interessati a portare a galla, un particolare molto interessante.

La rivelazione di Silvia Toffanin

Silvia Toffanin ricordo

Ha rivelato diversi dettagli del suo rapporto con l’amministratore delegato di Mediaset, Piersilvio Berlusconi. Il loro amore dura da oltre 20 anni ed è stato un rapporto sempre basato sul rispetto e sulla stima reciproca, coronato poi dalla nascita dei due bellissimi figli. Nonostante fosse nato in modo puro e già molto forte, lo ha presentato a suo padre dopo un anno di frequentazione. “A mio padre l’ho presentato un anno dopo. La prima cosa che ha detto a Pier Silvio? Io comunque sono dell’Inter”.

Ha anche rivelato che, tempo fa, si sono trasferiti da Milano a Portofino. Inoltre, il fatto di vedersi poco tempo, gli permette di avere un legame sempre vivido è molto forte. Poi è tornata a parlare del padre, portando a galla un dettaglio inaspettato. L’infanzia, è stata un vero momento particolare per lei, visto che il padre è stato molto duro e severo.

“In paese si usava che i ragazzi, le comitive citofonassero per dire ‘scendi’. Rispondeva mio padre, e ogni volta: ‘Silvia non c’è’. Non mi faceva uscire. Ogni tanto mi permetteva di andare in discoteca, a condizione che mi accompagnasse lui. Mi aspettava chiuso in macchina nel parcheggio. Inutile dirgli di andarsene a casa per tornare a riprendermi. Non si muoveva da lì”.

Un uomo che era molto geloso di sua figlia Silvia, non permettendole neanche di uscire. Ecco il motivo per il quale ha presentato il suo Piersilvio Berlusconi al padre dopo un anno di relazione.