Vittoria Puccini, la confessione drammatica: ” il rischio di sviluppare quel cancro”

Le parole di Vittoria Puccini rivelano un retroscena drammatico della sua vita. La paura di trovarsi faccia a faccia con il cancro 

 

Nel 1981 a Firenze nasce una delle attrici che poi farà parte del grande mondo della televisione italiana. Una professionista che ha dato voce a personaggi di un certo livello all’interno del piccolo schermo, attirando su di lei una fama degna di nota e che l’ha accompagnata mano nella mano per tantissimi anni. Vittoria Puccini, però, ha vissuto anni di vero dolore.

vittoria puccini cancro

Gli anni del suo debutto sono fondamentali per darle l’opportunità di crescere professionalmente, prima di vestire i panni Elisa di Rivombrosa. Inizia con Tutto l’amore che c’è, per poi proseguire con La Crociera e Paz!. nel 2003 poi finalmente la fiction che la consacra nel mondo dello spettacolo a tutti gli effetti. Con Elisa di Rivombrosa Vittoria Puccini raggiunge livelli incredibili.

Oltre che nella vita professionale, anche in quella privata, visto che qui ha incontrato anche un uomo che ha cambiato la sua vita. Infatti, dal 2004 2011, ha avuto un importante legame d’amore proprio con il protagonista della serie. Ovviamente stiamo parlando di Alessandro Preziosi. Un’intensa storia d’amore che ha permesso di dare alla luce anche la loro bambina Elena.

Vittoria Puccini e la traumatica esperienza con il cancro

vittoria puccini cancro

Oggi, si è legata ad un uomo più grande di lei di 20 anni. Si chiama Fabrizio Lucci, un direttore delle fotografia molto importante nel nostro paese. Nel corso degli anni, però, Vittoria Puccini ha dovuto fare i conti con una malattia che ha pesantemente gravato sulla sua vita privata. Un dolore inaspettato ma che si fa sentire come un vero e proprio macigno. Una delle persone più vicine a lei sviluppa una forma di cancro molto aggressivo.

Si tratta di una donna con la quale è molto legata e alla quale chiede sempre consigli, sia sul suo lavoro che sulla sua sfera privata. Il suo nome Laura Morozzi, la mamma della Puccini. Mentre Vittoria Puccini era al Festival del Cinema nel 2011, viene a conoscenza della terribile diagnosi. Il tumore al seno della madre, crea nell’attrice un dolore indescrivibile. A soli 59 anni Laura Morozzi si spegne per sempre.

“Quando accadono questi traumi si crea un vuoto che non si riesce ad accettare: non è possibile elaborarlo del tutto, ma ho capito che è giusto concentrarsi sul bene che mi ha dato, è un modo per dare senso alla sua vita. Ma è un dolore a cui non ci si abitua mai”.

Oltre al dolore, la tensione e la paura però condizionano la vita dell’attrice. Questo perché il tumore della madre è ereditario ed è molto aggressivo. Infatti si è sottoposta a diversi controlli, anche sua figlia, in modo da scongiurare questo evento. Rivela che sono state settimane molto dure e anche preoccupanti, fino a scoprire poi che i risultati delle analisi hanno dato esito negativo per la predisposizione a quel tipo di tumore.

Infine ha voluto riportare anche l’esempio di Angiolina Jolie. “…Si era fatta asportare i seni per prevenire il rischio di sviluppare quel cancro che era stato fatale per sua mamma, sua nonna e sua zia. Lei le analisi le aveva fatte, scoprendo di avere la mutazione del gene Brca1 e Brca2, che per gli oncologi significa portare in corpo una predisposizione forte di ammalarsi al seno e alle ovaie”.

In questo modo Vittoria Puccini ha sottolineato il coraggio dell’attrice statunitense di essersi sottoposta ad una doppia mastectomia per la sua salute. In questo modo ha scongiurato le possibilità di ammalarsi di cancro.