Ambra Angiolini, la drammatica malattia: “un cancro…”

L’attrice Ambra Angiolini è stata colpita da una brutta malattia. Ecco come sta oggi

Nelle ultime settimane Ambra Angiolini è stata spesso al centro dell’attenzione dei media. Il motivo è semplice quanto triste: dopo cinque anni si è lasciata con il fidanzato Massimiliano Allegri. All’inizio sembrava fosse colpa della distanza (lei vive a Milano e lui a Torino, dove allena la Juventus), ma poi si è scoperto che c’erano stati numerosi tradimenti.

 

Il mister infatti l’avrebbe tradita più volte con donne diverse. Lei non ne sapeva nulla, come ha raccontato quando ha ricevuto il tapiro da Striscia la notizia, ma sembra che all’interno della squadra di calcio non fosse un segreto. Ad esempio, una prova del tradimento sarebbe un lungo capello biondo ritrovato nell’auto dell’allenatore: potrebbe, tuttavia, anche appartenere a uno dei giocatori dalla chioma folta e bionda.

Fatto sta, che l’ex stella di Non è la Rai ha passato davvero un brutto periodo, durante il quale ha ritrovato il conforto dell’ex compagno Francesco Renga. Lui, infatti, si è offerto di ospitarla in un appartamento dello stesso palazzo dove vive a Brescia. Nonostante la rottura, infatti, sono rimasti in buoni rapporti, anche per rispetto dei due figli.

Ambra Angiolini, la brutta malattia

Adesso Ambra Angiolini sembra stare molto meglio: ha ripreso a lavorare e appare di nuovo felice. È molto legata al suo lavoro, dato che ha cominciato quando era davvero giovane: ai tempi del famoso programma per ragazzi degli anni ’90 aveva appena 15 anni.

L’attrice può sembrare una donna che ha avuto tutto dalla vita: una carriera di successo, due figli, due storie d’amore molto importanti. Tuttavia, non sempre le cose sono andate bene. C’è stato un periodo, in particolare, molto difficile da superare. Lo ha raccontato durante un’intervista molto forte.

La diva ha sofferto per tanto tempo di problemi alimentari e, in particolare, di bulimia. Oggi sta bene ed è riuscita a superarla anche grazie al cantante, che l’ha aiutata moltissimo, soprattutto durante la prima gravidanza. “Sono stata affetta da bulimia, la mia è stata una storia di amore e odio con il cibo di circa 12 anni. Ho imparato a conoscermi e a trasformare un disagio in voglia di vita. Ma è possibile solo se si decide di affrontare un percorso, che parte da una consapevolezza. Prima riconoscere di essere malati. […] È difficile gestire una malattia come questa, un cancro dell’anima: non c’è una lastra, un esame del sangue per diagnosticarlo“.