Tumore, ecco i sintomi che nessuno conosce: potrebbero salvarti la vita

La presenza di un tumore può essere riconosciuta dalla comparsa di diversi tipi di sintomi. Scopriamo insieme quali sono

Purtroppo, secondo una stima dell’Airc, soltanto in Italia si stimano circa mille nuovi casi di tumore al giorno. Nell’ultimo anno infatti, sono stati registrati circa 377 mila pazienti a cui è stato diagnosticato un cancro. Sia le cause che i sintomi possono derivare da una miriade di fattori, molti dei quali però individuati dalla medicina nel corso degli ultimi anni.

 

Foto (Websource)

La scienza medica ha fatto dei veri e propri passi da gigante in tal senso, al punto che la maggior parte delle persone affette da tumore hanno buone probabilità di sopravvivenza. Questo però, deriva anche dalla tempestività con cui la malattia viene diagnosticata. Prima si intraprende una terapia adeguata infatti, e maggiori saranno le possibilità di guarigione.

Ovviamente non possiamo nascondere purtroppo che vi sono anche casi in cui c’è ben poco da fare. Alcuni tumori sono infatti letteralmente incontrastabili, lasciando in quei frangenti nessuna speranza al paziente. La ricerca però non si arrende mai, con decine di migliaia di medici e, appunto, ricercatori che lavorano incessantemente per trovare nuove cure ed altrettanti rimedi per guarire anche le forme di cancro più aggressive.

Cancro: ecco i sintomi che potrebbero salvarti la vita

Innanzitutto bisogna premettere che gli eventuali sintomi presenti nel paziente derivano dalla natura stessa del cancro. Per quel che riguarda le donne ad esempio, il tumore più diffuso è quello al seno, il quale può essere riconosciuto dalla presenza di noduli nelle mammelle.

Parlando più genericamente invece, altri tipi di sintomi possono essere un eccessivo affaticamento, una perdita improvvisa ed inspiegabile di peso o anche una febbre cronica. Oltre a questi ce ne sono diversi altri come nausea costante, perdita di sangue dalle feci o dalle urine, linfonodi ingrossati o la scomparsa dell’appetito.

Foto (Websource)

Naturalmente certi sintomi possono anche essere provocati da altre malattie molto meno gravi rispetto al tumore. Una corretta prevenzione è necessaria proprio per questo motivo, ovvero per anticipare i tempi di un’eventuale terapia in modo da assicurarsi quante più chance di guarigione possibili.

Da tenere sotto controllo sono anche i nei. Questi ultimi infatti, nella maggior parte dei casi sono dei tumori benigni. Quando invece un neo cambia di dimensioni o di colore bisogna prestare molta attenzione perché potrebbe essere un campanello d’allarme. Sempre secondo le stime dell’Airc, grazie ai progressi messi in campo dalla scienza al giorno d’oggi, in Italia sopravvive al cancro circa il 65% delle donne e quasi il 60% degli uomini, cifre che sottolineano ancora una volta l’importanza dei controlli di routine volti al fine di aumentare sensibilmente le speranze di ripresa.