Giulio Berruti, dal successo all’estero alla grave malattia: ecco come si è ridotto

Giulio Berruti, dal successo alla malattia che l’ha messo seriamente in difficoltà. Ne ha parlato nel corso di un’intervista

Per sfondare nel mondo dello spettacolo serve di sicuro grande talento, ma soprattutto una dedizione tale da potersi permettere di attendere il momento buono. Si, perchè soprattutto per chi nella vita vuole fare l’attore, cogliere l’occasione quando questa ci si presenta, può essere davvero la chiave di volta corretta per farsi notare dagli addetti ai lavori e magari dare una svolta a quella gavetta. Nel caso di Giulio Berruti, poi, le porte del Cinema si sono aperte quando lui è riuscito a sfruttare l’occasione, anche se l’attore ha lavorato tanto per arrivare al successo.

 

Giulio Berruti
Giulio Berruti (web source)

Alcuni forse non ricordano gli inizi della carriera di Giulio, quando lavorò con Luca Guadagnino per il film ‘Melissa P’, pellicola rivolta ai più giovani che ebbe grande successo. Poi altri lavori interessanti, che lo hanno visto fin dai primi anni della sua carriera prendere parte a prodotti interessanti in grado di garantirgli la possibilità di mettere in mostra le sue doti. Senza dimenticare, come detto, anche il grande lavoro fatto da Berruti sotto il punto di vista dello studio, una componente fondamentale nel suo percorso di crescita.

Poi la svolta, quella che gli ha dato modo di farsi notare in maniera evidente dal grande pubblico. Giulio, infatti, è stato protagonista della fiction ‘La figlia di Elisa – Ritorno a Rivombrosa’, dove lui ha interpretato il ruolo del protagonista, ovvero il marchese Andrea Van Necker. Da lì un successo importante, che gli ha dato modo di consolidare le sue capacità recitative ed al tempo stesso farsi conoscere ancora meglio da un pubblico che ha imparato ad apprezzarlo sempre di più con il passare del tempo.

Giulio Berruti, dal successo alla grave malattia

Giulio Berruti
Giulio Berruti (web source)

Il Berruti ha avuto un successo molto importante anche all’estero. Sono molti, infatti, i prodotti ai quali ha lavorato che non sono italiani, ed in particolare quello americano. Insomma, la carriera di Giulio ha avuto una svolta importante con ‘La figlia di Elisa – Ritorno a Rivombrosa’, ma si è poi sviluppata in maniera convincente.

Nella vita di Giulio, però, non c’è soltanto la brillantezza di una carriera importante. L’attore, infatti, ha dovuto anche combattere contro una malattia che l’ha messo in serissima difficoltà. Ne ha parlato lo stesso attore nel corso di un’intervista rilasciata ai microfoni di ‘Verissimo’. Giulio soffre di una fibriomalgia, una malattia cronica.

Dà dolore cronico, ansia, depressione e il sistema sanitario nazionale ancora non la riconosce. Spendo migliaia di euro l’anno in fisioterapia, è una patologia che può essere davvero invalidante”, ha spiegato Berruti a ‘Verissimo’.