Tumore al seno, uccide sempre più donne: ecco il ‘trucco’ per riconoscerlo

Il tumore al seno colpisce sempre più donne ma c’è un metodo per riconoscerlo: ecco quali sono i trucchi per capirlo

Uno dei tumori che da sempre colpisce sempre più donne è il tumore al seno o meglio riconosciuto come tumore alla mammella. Per via della sua visibilità esterna, il tumore alla mammella è quello più descritto nei documenti antichi; la più antica descrizione di cui si abbia conoscenza, appartiene al Papiro Edwin Smith, risalente al 1.600 a.C. in Egitto trattati con cauterizzazione. Questa malattia rappresenta il tipo principale di neoplasia nelle donne e il 25% di tutti i casi di tumore.

 

tumore
curiosità (foto web)

In tutto il mondo, il tumore alla mammella rappresenta quello più invasivo più comune nelle donne, rappresentato da circa l 22,9% dei tumori invasivi nelle donne e il 16% di tutti i tumori femminile. Nel 2008, i dati sono stati molto alti, si è registrato  458.503 morti nel mondo per questa malattia.

I fattori di rischio principali per questo tumore sono rappresentati dall’età avanzata, il sesso femminile, la genetica, la mancanza di allattamento al seno, elevati livelli di alcuni ormoni, la dieta e l’obesità. Alcuni recenti studi hanno affermato che anche il fattore inquinamento può causare il tumore. Il fumo, ad esempio, è uno dei fattori che potrebbe aumentare il rischio di malattia come la vita sedentaria per circa il 10%.

L’associazione tra allattamento al seno e tumore alla mammella non è invece stato ancora determinato, poiché alcuni studi hanno confermato tale filone, mentre altri lo hanno chiaramente smentito. Nel 1980, era stata avanzata un ipotesi circa il tumore alla mammella avrebbe avuto delle correlazioni con l’aborto. Questa ipotesi, oggetto di ampio studio ha rivelato che né gli aborti spontanei e nemmeno quelli volontari sono associati a un incremento di rischio di tumore alla mammella.

Alcune caratteristiche genetiche possono influenzare un ruolo nella maggior parte dei casi di tumore e si crede che i geni, nella maggior parte dei casi possano influenzare la malattia. Ci sono stati studi recenti che hanno individuato i sintomi della malattia e come fare per riconoscerla.

Riconoscere il tumore al seno: ecco come

tumore fiocco
come fare (foto web)

Come abbiamo già anticipato sono tanti  fattori che possono determinare l’individuazione della malattia ed è molto importante saperla riconoscere. Insieme elenchiamo alcuni fattori che possono aiutare a riconoscerlo più rapidamente:

  • Indurimenti nel petto o dolore nell’ascella, che prima non erano percepibili
  • Cambiamenti di forma, colore e dimensione del capezzolo e/o del seno, forti arrossamenti o retrazione della pelle
  • Secrezione acquosa, con sangue o purulenta dal capezzolo.
  • Linfonodi palpabili nell’ascella
  • Dolore o tensione ai seni che provoca una sensazione diversa a quella del ciclo mestruale

Secondo la Lega contro il cancro, eseguire una corretta prevenzione e dei controlli ogni due anni, anche se non si hanno sintomi e/o altro, aiuta a combattere e a prevenire la malattia.