È uno dei tumori più pericolosi per le donne: ecco il trucco per capire i sintomi sospetti

Rappresenta uno dei tumori più pericolosi per le donne, conoscere i sintomi sospetti è molto importante: ecco quali possono essere

Oggi molte donne vengono colpite dalla malattia del secolo, il tumore. Non è un modo per allarmarvi, ma per informare e prevenire i possibili rischi della malattia e cercare di ricordare che la prevenzione è un elemento fondamentale per la salute e la vita di ogni singolo individuo. Una vita sana, controlli periodici aiutano, di sicuro alcune delle malattie più gravi in circolo.

 

cancro mal di pancia
curiosità (foto web)

Bisogna ricordare, che la parola cancro non è sinonimo di morte; chiaramente ci vuole tanto coraggio, fatica e supporto emotivo per affrontarla, ma sono tante le testimonianze di persone che hanno superato la malattia.

Uno dei tumori che colpisce particolarmente la donna è quello alla vulva. Purtroppo, è il quarto cancro più frequente soprattutto negli Stati Uniti che ha causato nel 2020 6120 nuovi casi e 1350 morti. La patologia può colpire donne di tutte le età, ma le diagnosi più frequenti riguardano  donne attorno ai 70 anni e molto più raramente donne di età inferiore ai 40 anni.

Spieghiamo inizialmente cosa è la vulva, ossia la parte più esterna dell’apparato genitale femminile che comprende le piccole e le grandi labbra e il clitoride, formato da tessuto molto sensibile che si rigonfia per il passaggio di sangue in seguito alla stimolazione sessuale. Tutte le cellule che compongono vulva e vagina possono dare luogo ad un tumore, anche se quelle più comuni riguardano piccole e grandi labbra.

E’ molto importante riconoscere i sintomi di tale malattia e cercare di prevenirla nella maniera più tempestiva possibile.

Come riconoscere i sintomi sospetti

prevenzione
sospetti sintomi (foto web)

I tumori che riguardano vulva e vagina inizialmente possono essere asintomatici almeno nelle prime fasi o dare origine ad altri sintomi non attribuibili al tipo oncologico, quindi è molto importante rivolgersi al proprio medico o ginecologo.

La maggior parte delle donne si presente al proprio medico con un sintomo in comune, almeno nel 33-75 per cento dei casi, associata a prurito e a bruciori e sanguinamenti soprattutto in forme avanzate. Più dell’80% delle donne, mostra sanguinamento, spesso dopo un rapporto sessuale, perdite vaginali anomale e dolore durante i rapporti.

Per il tumore alla vulva, invece, i sintomi sono ben diversi in quanto in genere la lesione è asintomatica o si presenta, in alcuni casi, con un prurito che non passa o con arrossamenti e cambiamenti cutanei anomali. Nel caso si un tumore più invasivo, cambia proprio l’aspetto di un’area della pelle della regione vulvare interessata, alle volte più sottile o più scura.

Per prevenire i tumori è importante evitare comportamenti che ne aumentino il rischio, come il fumo evitando l’infezione da Papillomavirus, facilitata da un inizio precoce dell’attività sessuale e da un alto numero di partner.

Fare controlli ginecologici periodici sono importanti in quanto permettono di scoprire eventuali lesioni pre-cancerose.