Tragedia Rai, la grande attrice se n’è andata: Flavio Insinna ne esce distrutto

Un’altra scossa toglie il fiato in Rai. Una grande attrice non sarà più tra noi, e Flavio Insinna è rimasto distrutto dalla notizia 

 

Ancora una volta Flavio Insinna si trova ad esprimere il suo dissenso verso una scelta che la Rai ha preso senza pensarci due volte. Ma cosa è successo questa volta all’attore-conduttore che lo ha fatto andare su tutte le furie? Da pochi giorni ha fatto il suo debutto la tredicesima stagione di Don Matteo.

flavio insinna addio all'attrice

Una stagione che sembra portare molta tristezza in numerosi fan che non vedranno più il mitico Terence Hill in questa produzione. L’attore è stato presente nella fiction fin dalla prima stagione. Ed è per tale motivo che, il suo addio, sembra avere lasciato un immenso vuoto in tutti i coloro che hanno seguito la serie dalla prima puntata. La Rai però ha cercato di sostituire l’amato attore con un altro volto, molto amato nel mondo dello spettacolo.

Stiamo parlando di Raoul Bova, uomo che ha fatto il suo ingresso nella serie di casa Rai. In questi primi episodi, quindi, l’attenzione sicuramente è rivolta sul bellissimo attore. In quanto i fan si chiedono se sia o meno all’altezza di sostituire un nome tanto amato come quello di Terence Hill.

Flavio Insinna e l’addio alla sua “compagna”

flavio insinna addio all'attrice

Dopo questo particolare cambio, sembra che un altro grande scossone venga dato proprio al personaggio interpretato da Flavio Insinna. Si tratta del Capitano Anceschi che dovrà sopportare una situazione alquanto difficile. Ma cosa è accaduto al personaggio a cui Flavio Insinna presta il volto? Sappiamo che il capitano Anceschi è sposato con Laura Respighi, donna che è stata una delle protagonista nel corso della prima puntata della tredicesima stagione.

Purtroppo per lei, le cose, non si sono messe in modo molto positivo. Già in passato si era vociferato del suo addio alle scene di don Matteo, anche se non è questa sua assenza che fa discutere. Ma il modo utilizzato per dire addio alla “moglie” di Flavio Insinna. Abbiamo visto tutti la decisione presa dalla donna, che ha voltato le spalle al marito e alla figlia quindicenne.

Secondo alcuni, per eliminare questo personaggio da Don Matteo, la scelta migliore sarebbe stata quella di farla morire in qualche tragico incidente. Anche l’attrice che interpreta Laura Respighi, Milena Miconi, sembra non essere affatto d’accordo sulla scelta presa dagli sceneggiatori. Ha dato il suo meglio in occasione delle riprese della prima e puntata della tredicesima stagione, anche se non era affatto contenta di ciò che stava per accadere.

Ciò che non ha per nulla apprezzato, è il fatto che il suo personaggio abbia fatto una brutta uscita di scena. Qualcosa che dipinge la donna come una moglie infedele e una madre che preferisce abbandonare la figlia. Di sicuro i tradimenti continui della moglie del Capitano Anceschi porteranno ulteriori sviluppi su quella che sarà la storia Futura del personaggio interpretato da Flavio Insinna.

Milena Miconi però ci tiene ancora una volta a sottolineare quanto non abbia apprezzato la scelta presa dagli sceneggiatori. E così sul blog piudonna si legge una parte della sua intervista in cui afferma proprio il suo pensiero.

“Credo sia una mancanza di rispetto nei confronti delle donne, viene fuori un’immagine terribile, bruttissima. Non puoi pensare di distruggere così un personaggio. Hanno deciso che questa dovesse essere una stronza, ma perché? Ma poi è proprio brutto. Una roba orrenda. Devo essere onesta. È vero che io non c’entro niente perché sono solo l’attrice che l’ha interpretata, però in tanti hanno amato Laura e ancora mi fermano per strada chiamandomi ‘il sindaco’”.

Già in passato la Miconi aveva espresso il suo dissenso verso le scelte degli sceneggiatori. Al punto da aver contattato anche Flavio Insinna, per indagare su quello che sarebbe stato il destino del suo personaggio.

flavio insinna addio all'attrice

L’attore però sembra non aver rivelato nulla. Molto probabilmente, forse, perché anche lui non era d’accordo su questa scelta.