Tommaso Zorzi, la confessione sulla sindrome di cui soffre: Mi costringe a farlo

L’ex vincitore del Grande Fratello Vip, Tommaso Zorzi, è sempre molto seguito. Una delle sue rivelazioni ha lasciato i fan di stucco  

 

Un problema che lo affligge da tantissimo tempo. Una confessione inaspettata, quella che ha rivelato Tommaso Zorzi. La città di Milano ha dato i natali a Zorzi, nel 1995. A soli 18 anni lascia la sua casa per trasferirsi in Scozia. Qui impara bene la lingua e successivamente si trasferisce a Londra.

tommaso zorzi sindrome

Proprio nella città inglese inizia il suo percorso di studio di Economia e Business Management. Tommaso Zorzi inizia la sua carriera in qualità di blogger, solo successivamente si sposta nel panorama televisivo. Prende parte a diverse trasmissioni tra cui Riccanza su MTV, Grande Fratello Vip, Dance Dance Dance, Pechino Express e così via.

Proprio durante la sua partecipazione al Grande Fratello Vip, l’influencer ha fatto conoscere al popolo italiano un lato di sé che aveva tenuto nascosto fino a quel momento. Una confessione inaspettata e che nessuno pensava mai potesse affliggere il giovane. Sin da quando era bambino, Tommaso Tozzi si è ritrovato a dover fare i conti con una sindrome ben precisa.

La realtà di Tommaso Zorzi

tommaso zorzi sindrome

A riportare la notizia è anche donnapop. Un problema che molto spesso porta il ragazzo ad allontanarsi dalle altre persone e chiudersi in se stesso. Si tratta della sindrome dell’abbandono, a causa della quale è costretto ad andare costantemente in analisi. Un problema che lo condizione moltissimo, sin dalla sua infanzia.

L’influencer, a causa di questo problema, durante la permanenza nella casa più spiata d’Italia ha quasi abbandonato il suo percorso. Dopo diverse liti con altri concorrenti, si è ritrovato a fare i conti con questo suo problema. Un problema che non tutti riescono a comprendere, ma che l’influencer ha provato a spiegare con determinate parole.

“Io purtroppo soffro questa sindrome dell’abbandono che mi costringe ad allontanarmi dai miei affetti quando sento che vogliono allontanarsi da me, nella mia testa, non ti parlo di fatti reali. Non lo faccio a discapito tuo, ma mio. Visto che è una cosa che dipende da me, ci rimango peggio io. E’ una roba che ho analizzato e per la quale vado in analisi, so io di avere il potere di cambiare le cose e scelgo di non farlo”.

Confessa anche che, quando viene lasciato, se ne fa una ragione perché non può farci nulla. Ma invece quando è lui a lasciare, e non riesce a tornare perché si sente bloccato, sta veramente male. “Subentra in me un meccanismo che non riesco tanto a controllare, al massimo ci posso ragionare sopra”.