Farmaco Oki: se hai quest’età non puoi prenderlo

Sapete che non tutti possono prendere il farmaco ‘Oki’? Ecco chi non può assolutamente assumerlo

In questi due anni di Pandemia abbiamo imparato quanto l’utilizzo dei farmaci possa essere importante, necessario in alcuni momenti. Certo, tutto va sempre utilizzato con cautela, per evitare di andare incontro a delle problematiche evidenti. Ogni sintomo prevede l’utilizzo di un medicinale ben particolare, il tutto coadiuvato in buona parte dei casi dai suggerimenti di un medico che possa far luce sull’entità di un determinato problema, e conseguentemente anche su quanto va fatto per evitare di andare incontro a soluzioni che poi non sono in grado di rivelarsi sanatorie.

 

Set di farmaci
Set di farmaci (pixabay)

Troppo spesso, infatti, le persone provano a sorvolare sui consigli del medico curante, provando le cosiddette cure fai da te. Niente di più sbagliato. Al netto di quello che è il bugiardo, che viene rilasciato con ogni farmaco e di fatto chiarisce l’entità del prodotto ed il tipo di utilizzo che ne va fatto, a che tipo di persone è adatto, è sempre meglio rivolgersi ad un medico per avere maggiori delucidazioni sul da farsi. Certo, anche chiede supporto al farmacista di turno può essere una buona idea, soprattutto quando i farmaci di prendere non hanno un grande impatto sul nostro corpo.

Basti pensare a quanto in questi anni le farmacie sono state prese d’assalto per creme idratanti, protettive o anche rigeneranti per le mani. Il tutto dovuto al grande utilizzo di igenizzanti proprio per contrastare il diffondersi della Pandemia. In questo caso anche l’utilizzo del consiglio al farmacista può essere utile, prima di rivolgersi ad un dermatologo esperto in caso di complicazioni.

Farmaco Oki, occhi a chi lo prende: qualcuno non può farlo

Oki
Oki (web source)

Ci sono dei farmaci che sono davvero famosissimi ed utilizzati da tantissime persone. Proprio questa larga diffusione spesso lascia pensare che questi possano essere assunti da tutti, non è proprio cosi. Prendiamo per esempio ‘Oki‘, uno degli antinfiammatori più famosi. ‘Oki’ fa parte della categoria degli antinfiammatori non steroidei. Va utilizzato – a detta di quelle che sono le indicazioni ufficiali – per untTrattamento sintomatico e di breve durata di stati infiammatori.

Ma tutti possono prendere Oki? Non proprio. Attraverso alcuni fonti, tra cui quelle che arrivano proprio dalla casa di produzione, possono dirvi chiaramente che non tutte le persone possono prendere questo determinato tipo di farmaco. Alla base, chiaramente, c’è la presenza di ketoprofene, sostanza che ad alcuni potrebbe provocare diversi tipi di reazioni e che si trova proprio nell’Oki. Ecco perchè è importante non assumerlo che in passato si ha avuto delle esperienze di strane reazioni con il ketoprofene.

Lo stesso Ketoprofene, poi, è strettamente controindicato per chi soffre di insufficienza cardiaca, ulcera peptica, diatesi emorragica, insufficienza epatica, insufficienza renale, soltanto per fare degli esempi. Ovviamente non può essere assunto nemmeno da bambini di età inferiore ai sei anni.