Pooh, arriva l’ennesima tragedia per il gruppo: “ucciso da un tumore devastante”

Per i Pooh arriva il momento di dire addio ad un altro amico e membro del gruppo. La notizia è devastante, lutto tragico 

 

Una delle band musicali più amate di tutti i tempi, e che ha fatto sognare le generazioni passate è proprio quella dei Pooh. Nell’ultimo periodo, però, il gruppo musicale è stato colpito da un terribile lutto, una situazione da cui non si riprenderanno facilmente.

Pooh ennesima tragedia

Ricordiamo infatti che, lo scorso anno, la band ha dovuto dire addio ad un membro importante. Il famoso Stefano D’Orazio, aveva contratto il Covid, una malattia che l’ha strappato all’affetto di tutti i suoi cari. Anche a causa di alcune patologie pregresse, il suo è stato un destino funesto. Oggi però i Pooh si trovano a dire addio ad un altro membro importante della loro squadra.

Il manager Alex De Benedictis, un uomo morto a causa di un tumore aggressivo a soli 49 anni. È questa la notizia condivisa da Red Canzian, uomo che, come leggiamo su napolitoday, ha condiviso alcune parole dedicate proprio ad Alex.

Un altro lutto per i Pooh

Pooh ennesima tragedia

“A causa di un tumore devastante che in quattro mesi ha fatto il suo maledetto lavoro. Alex e Polly, con il loro bimbo meraviglioso vivevano da qualche anno a Lanzarote… e proprio da lì, Polly, mi mandò una richiesta d’aiuto dicendomi che Alex era a letto da due settimane e che non riusciva ad alzarsi a causa di una serie di metastasi che avevano intaccato il suo corpo, comprese anche alcune vertebre”.

Egli inoltre afferma che non sono rimasti a guardare quanto stava accadendo, ma che hanno cercato subito di attivarsi riuscendo a far ricoverare Alex presso il San Raffaele di Milano. Ed è proprio qui che è stato operato, ed ha iniziato le diverse radioterapie. Nonostante ce l’abbiano messa tutta, le cose però non sono andate come sperato.

Infatti, dopo due settimane, sembrava che Alex stesse iniziando a reagire bene alle cure. Anche se poi, a causa di un’altra crisi e di un emorragia, ha chiuso gli occhi alle 18 per esalare l’ultimo respiro alle ore 12 del giorno dopo. Alex ha cercato fino alla fine di tener testa alla malattia. Ma nulla ha potuto contro questo terribile male.

E così ha dovuto abbandonare per sempre la moglie Paola e il piccolo di 4 anni, Aaron. Una situazione che ha straziato il cuore di tutti i membri dei Pooh, compreso Roby Facchinetti che ha voluto ricordare il suo amico Alex con un messaggio dolcissimo. “Il mio cuore piange per te, caro Alex, amico mio speciale che sei volato in cielo troppo presto”.

Un dolore indescrivibile anche perché, Alex, lascia un bambino piccolo di soli 4 anni. Una piccola anima che dovrà crescere soltanto col ricordo del padre.