Accredito pensione sul conto corrente: arriva la brutta sorpresa

Ci sono delle novità per l’accredito della pensione sul conto corrente. Ma, quello che viene annunciato, non è proprio così positivo  

 

Coloro che hanno chiesto l’accredito della pensione sul conto corrente potrebbero trovarsi di fronte ad una novità per nulla così ottima. Pare infatti che i costi necessari per essere certi che la pensione sia al sicuro, vedranno un notevole aumento.

Accredito pensione sul conto corrente brutte notizie

Nell’ultimo periodo infatti ci troviamo di fronte ad un aumento generale del costo della vita. Una situazione in cui hanno dovuto necessariamente adeguarsi anche gli istituti bancari, costringendoli ad aumentare notevolmente le spese inerenti ai conti correnti.

Delle situazioni a dir poco piacevoli per numerosi clienti, che si trovano a pagare alcune tasse in più che vengono prelevate automaticamente ma che non sono per nulla chiare. Le banche si giustificano affermando che questo è il solo modo che hanno per cercare di compensare il periodo di crisi che si ritrovano a vivere.

Ci sono novità per l’accredito della pensione sul conto corrente: non vi piaceranno

Accredito pensione sul conto corrente brutte notizie

Infatti il conflitto tra Ucraina e Russia sta causando molte conseguenze tra i vari istituti bancari. Come al solito, a pagarne le pene sono anche i clienti, in particolar modo i pensionati. Ed ecco che, oltre ad aver visto un notevole aumento del carovita, si trovano costretti a pagare altre spese sconosciute.

Basti pensare che Mediobanca, per cercare di eliminare il più possibile le perdite provocate dalle tasse applicate dalla Banca Centrale Europea, ha portato quasi al doppio i costi per mantenere attivo un conto corrente. E così, come leggiamo su missionerisparmio, veniamo a conoscenza del fatto che anche i conti correnti on-line sono stati interessati da tali aumenti.

Mentre le operazioni allo sportello hanno visto un +5% del costo a cui eravamo abituati. Un aumento generale che non comprende solo i pensionati, ma anche le famiglie. Per questi ultimi i conti correnti on-line si è arrivati ad un aumento del 12%, mentre allo sportello l’aumento previsto è del 4%. Nemmeno i giovani sono al salvo da tale situazione, in quanto hanno assistito ad una diminuzione del 5% nel proprio conto allo sportello.

È questo una situazione che interessa un gran numero di banche, che hanno scelto di adeguarsi alla situazione e ritoccare le proprie tariffe portandole al rialzo. Basti pensare ad UniCredit che è stata spinta ad un aumento del 33% del conto My Genius, mentre Fineco ha addirittura preso una decisione particolare.

Ovvero quella di recedere un rapporto. E questo nel momento in cui, un conto corrente, vede al suo interno una cifra pari o superiore a €100.000 senza nessun finanziamento o investimento attivo.