Pippo Baudo, il brutto male durante il programma: non lo sapeva nessuno

Pippo Baudo, conduttore storico della nostra televisione, ha avuto a che fare con una dura malattia. Una patologia molto brutta 

 

Nonostante abbia 86 anni, Pippo Baudo è ancora oggi uno dei volti più ricercati e seguiti. Non tutti però sono a conoscenza del fatto che si è trovato a fare i conti con una terribile malattia, proprio nel momento in cui era al timone di un programma che ha contribuito a renderlo celebre.

Pippo Baudo malattia durante il programma

Nel corso degli anni Pippo Baudo è riuscito a collezionare un gran numero di successi, e a diventare uno dei conduttori più seguiti dal popolo italiano. Egli nel suo curriculum, non vede solo la conduzione di celebri programmi, ma anche la scoperta di artisti che oggi sono riusciti a farsi un nome grazie a lui.

Nonostante tutto il suo successo, Pippo Baudo ha sempre avuto uno scopo. Non unire la vita lavorativa con quella privato. Nonostante ciò, tutti siamo a conoscenza del fatto che il nodo conduttore ha dovuto affrontare un periodo molto difficile. E questo, a causa di un problema legato alla sua salute.

Pippo Baudo era malato mentre ancora appariva in tv: ecco cosa ha avuto

Pippo Baudo malattia durante il programma

Una situazione in cui, tutti i suoi fan, iniziarono ad provare un grande senso di apprensione anche se fortunatamente ogni cosa si è conclusa nel migliore dei modi. Il tutto grazie ad una cura innovativa. Era il 2015 l’anno in cui, Pippo Baudo, ha raccontato del periodo più difficile della sua vita e di come sia riuscito a venirne fuori.

Proprio come leggiamo su direttanews, si tratta di un avvenimento accaduto negli anni ’70. E nel momento in cui egli era impegnato nella conduzione della prima edizione di Canzonissima. Un periodo che doveva essere molto felice e fortunato per lui, ma che purtroppo si è trasformato in un vero e proprio incubo. In quanto scoprì di avere un cancro alla tiroide.

È stato lui stesso ad affermare che, nel corso della sua esistenza, ha avuto molte malattie che lo hanno costretto sotto i ferri molte volte. Nonostante ciò, scoprire di avere un cancro alla tiroide, lo ha preoccupato come mai prima d’ora. Fortunatamente però, dopo alcuni anni, Pippo Baudo viene a conoscenza del fatto che era possibile risolvere quel suo problema così grave.

Dopo l’esplosione di Chernobyl avvenne una cosa molto strana. Alcuni bambini stavano nascendo grassi perché non avevano la tiroide. Ed è proprio questa situazione che portò i medici ad arrivare ad una conclusione, realizzando un soluzione mai vista prima. “Un professore andò a Chernobyl e visitò questi bambini. Fece un ragionamento semplice: se io do agli ammalati di tiroide lo iodio radioattivo, questi ammalati guariranno. Mi portarono a Pisa, dove c’erano tanti ricoverati come me e mi chiesero se volessi fare un’esperimento con loro. Accettai”.

Un’idea unica ed innovativa che, a quanto pare, riuscì ad ottenere i risultati sperati. Infatti Pippo Baudo, dopo aver vissuto 7 giorni in isolamento, vide sparire del tutto il cancro alla tiroide.