“Violentata e riempita di botte”: il dramma di Loredana Bertè

La cantante Loredana Bertè nel corso della sua vita ha vissuto un dramma come pochi: ecco cosa ha dovuto affrontare

Una delle cantanti che in molti definisco la Queen della musica Rock è lei, la bellissima Loredana Bertè. La donna è la sorella di Mia Martini a cui era molto legata, scomparsa prematuramente nel 1995. Il successo comincia al fianco del suo noto amico e collega di sempre Renato Zero al locale Piper Club a Roma e da lì il resto è storia. Purtroppo, però, la donna ha dovuto affrontare un dramma che ha cambiato la sua vita per sempre.

 

loredana
curiosità (foto web)

Come abbiamo accennato, la donna comincia a muovere i primi passi dimostrando il suo grande talento nel famoso locale romano frequentato da altri personaggi oggi divenuti tra i più apprezzati della musica Italiana, Piper club. Quel locale era frequentato principalmente da Don Lurio che notò un talento in più proprio nella splendida Loredana.

Come Loredana vi era anche Renato Zero che si sentiva spesso urlare dalla folla “Sei uno zero”, pensando in maniera geniale di adottare questa frase come soprannome. Don Lurio li ingaggerà insieme nel 1966. I due formano un duo cominciandosi ad esibire sia insieme che separatamente. Nonostante il successo, i due hanno continuato ad avere un legame sempre molto forte e pieno di rispetto e affetto reciproco. 

Il look di Loredana, a quei tempi, ha fatto la storia per il suo essere trasgressiva ma soprattutto diversa da quello che era il genere associato a quei tempi. I successi della cantante hanno fatto la storia della musica italiana e tra questi possiamo citarne alcuni come Non sono una signora, Sei bellissima, E la luna bussò e Dedicato. 

Nonostante il suo successo che ha cambiato la musica italiana, la bella Loredana Bertè ha dovuto affrontare un dramma che le ha cambiato la vita per sempre.

Il dramma affrontato da Loredana Bertè

loredana giovane
La sofferenza vissuta dalla cantante (foto web)

Nonostante una carriera davvero al di fuori dal comune piena di successi e riconoscimenti, la bella Loredana Bertè alla soglia dei suoi 70 anni vissuti a pieno della sua vita, si è lasciata andare ad una lunga confessione ai microfoni di Verissimo condotto dalla bellissima Silvia Toffanin.

Ella ha confessato di aver vissuto un dramma, un episodio legato alla sua adolescenza: “Avevo 16 anni, facevo serate ed eravamo sempre in giro per l’Italia, ma ero l’unica vergine del gruppo. Tutte mi dicevano di decidermi. C’era questo tizio che mi riempiva di fiori ogni sera, così alla fine dopo un mese ho deciso di uscire con lui. Mi portò in un appartamento scannatoio e quando ho sentito che chiudeva la porta col lucchetto mi sono spaventata. Ero terrorizzata, mi ha violentata e riempita di botte, sono riuscita ad uscire per miracolo, con tutti i vestiti strappati. Mi reggevo in piedi a malapena, un taxi mi portò in ospedale”.

La cantante ha voluto lanciare un messaggio ai giovani di oggi ricordando che denunciare in questi casi è la cosa più importante da fare: “Non l’ho mai raccontato alla mia famiglia, sennò le prendevo anche da mia madre, quindi non l’ho potuto denunciare. Le uniche con cui mi sono confessata furono le mie amiche, ho tenuto tutto per me. Fu uno sbaglio, perché, care donne, al primo schiaffo bisogna denunciare. Non fate come me, non fate questo errore, denunciate sempre“.