Massimo Bulla, dal successo di ‘Centovetrine’ alla sparizione: ecco come si è ridotto

La sua carriera ebbe inizio con la partecipazione a diversi spot pubblicitari. Il futuro però per Massimo Bulla non è stato così clemente, in quanto dopo aver avuto un immenso successo, oggi è arrivato ad occuparsi di ben altro. Ecco oggi che fine ha fatto l’attore.

Nato a Busto Arsizio, nel 1971, Massimo Bulla esordisce nel mondo dello spettacolo prima come modello e poi come attore in alcuni spot pubblicitari. Con il passare del tempo, riesce ad ottenere delle parti in diversi film. L’esordio in tv arriva grazie al ruolo ottenuto in Centovetrine, nel 2001. Nella soap di Canale 5, Massimo Bulla interpreta il ruolo di Gabriele Andreasi, un ricco e bell’avvocato. Un successo che sembra non voglia arrestarsi, in quanto l’attore riesce ad ottenere sempre più ruoli in diversi film e fiction. Ricordiamo infatti la partecipazione di Massimo Bulla in Un posto al sole (2005), nel ruolo di Stefano Naldi, e nella serie tv La squadra 7 (2006).

A seguire, l’attore dal 2007 al 2008 ha interpretato il ruolo del protagonista nella soap Incantesimo 9 e 10. Da quel momento in poi però mi è stata una sparizione improvvisa e l’attore non è più apparso in televisione. Ma che fine ha fatto?

Massimo Bulla, cosa fa oggi

All’improvviso sembra che nel mondo dello spettacolo non ci sia stato più spazio per Massimo Bulla. L’attore ha dovuto rimboccarsi le maniche e reinventarsi per poter avere un sostentamento economico. Nel momento in cui Massimo Bulla si è reso conto che le porte del mondo dello spettacolo fossero chiuse per lui, ha pensato di dover rimediare, in quanto ormai non era più stato chiamato per prendere parte ad un provino. Al riguardo, nel corso di un’intervista al Maurizio Costanzo Show, l’attore ha dichiarato:

Ecco quanto dichiarato:
“Lo scorso mese di maggio ci sono state delle difficoltà nelle produzioni televisive e sono iniziati i problemi nel trovare nuovi ingaggi. Mi sono ritrovato in una situazione in cui ho dovuto rimboccarmi le maniche e l’ho fatto con piacere. Sono in una fase della vita in cui lascio tutte le porte aperte. Mi piacerebbe continuare a fare l’attore, quello per cui ho lavorato per vent’anni, ma se domani mi offrissero un lavoro che mi permettesse di sostenere la famiglia e soprattutto di esserle più vicino, cambierei volentieri”.

Massimo Bulla dal successo è arrivato a cambiare mestiere occupandosi di fare lo scaricatore di bagagli presso l’aeroporto di Malpensa. Tuttavia anche questo lavoro non è andato a buon fine, in quanto tutto il caso di Alitalia lo ha fatto tornare nuovamente disoccupato. Massimo Bulla però non si arrende e tra tanti lavori precari riesce comunque a portare avanti la propria famiglia.