“La sua vita a rischio”: La regina Elisabetta questa volta se la vede brutta

Momenti di panico per la regina Elisabetta che ha rischiato di morire. Ma che cosa è successo alla donna più amata di Inghilterra?

I sudditi inglesi seguono con grande attenzione le notizie inerenti alla salute della Regina Elisabetta. Sappiamo infatti che un po’ di tempo a questa parte la donna non è più al 100% delle sue forze, una situazione che si è venuta a creare anche a causa della positività al Covid 19.
Nonostante la donna sia guarita da questo terribile virus, ancora oggi porta su di sé le conseguenze con cui molti italiani e non solo si trovano a fare i conti dopo aver contratto il contratto tali virus.

La regina ha inoltre deciso di trasferirsi nella tenuta di Windsor per allontanarsi dallo stress e dalla vita frenetica di Buckingham Palace.
In ogni caso, la regina Elisabetta può contare sulla sua famiglia, sul nipote William e sulla consorte i quali, in diverse occasioni, trascorrono del tempo con lei cercando così di allontanare la tristezza e la solitudine.

Ma c’è stato un momento in cui in molti hanno creduto che l’ora della Regina Elisabetta fosse ormai arrivata. Ma che cosa è successo?

Il dramma che ha messo in pericolo la vita della Regina Elisabetta

Momenti di terrore e paura per la sovrana più amata dal popolo inglese la quale si è trovata faccia a faccia con la morte.

Un ventenne che indossava una maschera e un cappuccio ha fatto irruzione nel Parco del Castello di Windsor minacciando la vita della regina.

L’uomo si era avvicinato con fare violento impugnando una balestra e urlando “Sono qui per uccidere la Regina”.
È questa una vicenda accaduta lo scorso Natale. Fortunatamente l’uomo è stato bloccato prima di compiere la sua missione. In seguito è stato portato davanti alla Corte Britannica dove è stato sottoposto ad un processo. E questo ciò che ha cercato di fare un ventenne Jaswant Singh Chail accusato dal British Prison Act.

Secondo la testimonianza di un agente, l’intera scena pareva essere frutto di finzione. Egli infatti ha raccontato che gli sembrava trovarsi di fronte ad una scena di un film in cui fortunatamente l’attentatore non è riuscito a portare a termine ciò che aveva intenzione di fare.