Bancomat, se ti capita questo sei rovinato: ecco come risolvere il brutto problema

Un problema del Bancomat che potrebbe rovinarti, ecco cosa riguarda: i dettagli e le curiosità del brutto problema da risolvere

Uno dei pagamenti che nel corso del tempo si sta sviluppando sempre di più oltre i contanti sono i prelievi bancari. Le denominazioni più utilizzate in Italia che definiscono i circuiti di pagamento sono BANCOMATPagoBANCOMAT e BANCOMAT Pay. Queste possono riguardare il servizio di prelievo di denaro contante da sportelli automatici, il pagamento attraverso POS e il servizio di pagamenti istantanei che riguarda lo scambio denaro ed acquisti e-commerce. Purtroppo ti puoi imbattere in alcuni problemi che potrebbero essere difficili da risolvere.

 

bancoat
curiosità sulle informazioni utili sui pagamenti attraverso bancomat (foto web)

I relativi servizi e i circuiti sono gestiti in Italia dalla società BANCOMAT S.p.A di cui, gli operatori una volta aderenti al consorzio, partecipano ora come azioniste. Le denominazioni di BANCOMAT e PagoBANCOMAT sono di proprietà di BANCOMAT S.p.A.

Le attività e l’operatività di alcuni circuiti riguardano le carte di debito o credito che vengono rilasciate direttamente dalla banca di riferimento  a cui dal 2008 è affidata la gestione dell’utilizzo dei marchi BANCOMAT e PagoBANCOMAT.  Il Bancomat è il circuito di prelievo contante dagli sportelli automatici, mentre il PAGOBANCOMAT è il circuito domestico di pagamento di beni o servizi tramite terminali POS.

La prima carta di debito nasce nel 1983. Era a banda magnetica e poteva essere utilizzata per i prelievi in tutta Italia attraverso i circuiti ATM. Nel 1986 viene associato anche l servizio di PAGOBANCOMAT, consentendone a tutte le banche di usufruirne. 

Molte volte può capitare che il servizio bancomat non ti fa ritirare i soldi da te richiesti. Cosa fare?

Cosa fare se il bancomat non ti dà i soldi da te richiesti?

cosa devo fare
come e cosa devo fare per risolvere il problema? (foto web)

Molte volte si può incappare in alcune truffe proprio derivanti da alcune operazioni. Ad esempio oggi sei andato a prelevare, hai inserito il pin e la somma da erogare ma il BANCOMAT non eroga il denaro richiesto, oppure te ne ha erogati di meno. Come ti devi comportare in questi casi?

La cosa più importante, come primo passaggio, è aspettare i fatidici 30 secondi. Se ci fai caso, infatti, sul display dello sportello al momento dell’erogazione del denaro esce la scritta “Ritirare le banconote entro 30 secondi”. Se non dovessi farlo in 30 secondi lo sportello si riprende i soldi da te richiesti.

Purtroppo, però,  è ancora molto in uso il sistema delle “graffette”, bastoncini di metallo che vengono usati per trattenere il denaro all’uscita delle stesse banconote. Bisogna sempre attendere i 30 secondi per evitare che il ladro di turno toglie la graffetta e si prende i tuoi soldi. 

Se invece, una volta svolto tutte le operazioni il denaro non sono stati erogati e al termine dei 30 secondi è uscita la scritta “Operazione conclusa, è ora possibile effettuare una nuova operazione” è importante conservare la ricevuta dello sportello. 

Una volta conservato, è possibile chiamare il call center della banca o entrare nello sportello della banca stessa, mostrare la ricevuta e dopo che la banca ha effettuato un controllo il denaro ti sarà rimborsato. I tempi dipendono dagli istituti, di solito può passare un mese e il denaro sarà rimborsato sul tuo conto corrente.