Ricordate Anna Safroncik? Star di ‘Centovetrine’, ha combattuto la particolare patologia

Ricordate la bellissima Anna Safroncik? Era una delle attrici più amate di ‘Centovetrine’, ha dovuto combattere un problema particolare

Nel mondo dello spettacolo ci sono delle figure interessanti che nel corso del tempo sono state in grado di costruire carriera partendo sostanzialmente dal basso, andando anche a conquistare il grande consenso del pubblico. Anche le fiction, soprattutto nel nostro paese, hanno avuto un ruolo cruciale proprio nello sviluppo di carriera che hanno poi trovato grandi risvolti con il passare degli anni. Tra le donne che proprio attraverso il piccolo schermo sono state in grado di fare breccia nei cuori dei telespettatori, c’è di sicuro Anna Safroncik. Un cognome che fa già intendere il fatto che Anna, prima di essere stata naturalizzata italiana, è nata a Kiev e dunque è di origini ucraine. Una figlia d’arte, la bellissima Anna, visto che è figlia della ballerina e insegnante di danza Lilija Čapkis e del tenore Jevhenij Safrončik.

 

Anna Safroncik
Anna Safroncik (web source)

Il debutto nella recitazione è arrivato all’età di 4 anni in ‘Fiaba dello zar Saltan’ di Aleksandr Puškin, in età incredibilmente precoce. A 7 anni, poi, la svolta quando entrò all’Accademia Nazionale dello Spettacolo di Kiev, riuscendo cosi ad intensificare lo studio in arti come ballo, danza e recitazione. L’evento decisivo della sua vita, però, è arrivato proprio all’età di 12 anni. Il trasferimento in Italia, avvenuto in compagnia della madre, ha di fatto sancito la chiave di volta più importante. Il luogo è stato precisamente ad Arezzo, dove ha vissuto i primi tempi della sua vita italiana.

Oltre a quelle che sono le peculiarità artistiche, nella vita di Anna è stata importante anche l’approccio avuto con l’estetica. Donna, la Safroncik, dotata di grande bellezza, al punto da far breccia anche nei concorsi. Nel 1998, di fatto, fu eletta Miss Toscana, entrando poi nella fase finale del concorso di Miss Italia, arrivando addirittura ottava.

Un altro evento decisivo ci fu nel 2000, con il debutta al cinema in ‘C’era un cinese in coma’, esperienza che le permise di entrare fin da subito in contatto con un artista di primo livello come Carlo Verdone, che al tempo diresse il film. Nello stesso anno, poi, fece la sua comparsa anche nel film ‘Welcome Albania’, per la regia di Fabrizio Maria Cortese. Cosi ebbe inzio anche la sua carriera da attrice.

Anna Safroncik, cosi ha dovuto combattere la particolare patologia

Anna Safroncik
Anna Safroncik (web source)

Nel tempo Anna si è dimostrata anche una donna in grado di fronteggiare anche delle problematiche particolari. Cosi la stessa attrice, che è diventata nota in Italia soprattutto per il suo ruolo di Anna Baldi all’interno della fiction ‘Centovetrine‘, ha raccontato un episodio molto particolare che ha condizionato per un periodo la sua vita.

Cosi la Safroncik ha dovuto combattere una particolare patologia riguardante proprio il suo fisico. “Lo stress mi chiude lo stomaco e nei periodi difficili riesco a mandar giù a malapena un frutto”, ha spiegato l’ex star di ‘Centovetrine’. “Per riacquistare un po’ di chili, però, sciolgo le tensioni premiandomi con qualcosa che mi piace”, ha poi ancora spiegato Anna.