Renato Zero, il dolore per la tragedia: “Un vuoto assoluto” | Tristezza infinita

Un dolore lacerante causato dalla scomparsa di una figura fondamentale. Renato Zero ricorda tutto con una tristezza senza fine.

Renato Zero è uno dei cantanti più celebri nel panorama musicale italiano. È arrivato ad una carriera costellata di successi dopo anni passati ad esibirsi in diversi locali in cui veniva considerato ‘zero’. Queste parole che sarebbero dovute essere ricevute come offese, hanno fatto sì che il cantante si impegnasse sempre più e adottasse proprio Zero come nome d’arte.

Il successo per Renato Zero è arrivato negli anni 70, con diversi brani tra cui Il Triangolo No, Il carrozzone e Mi vendo. Nei 10 anni a seguire, il cantante ha vissuto dei momenti caratterizzati da una profonda crisi.

Fortunatamente in seguito è riuscito a rialzarsi tornando a trovare la felicità. Il successo è tornato a far da sfondo alla vita del cantautore con la partecipazione al Festival di Sanremo del 1991. Quell’anno prese parte al festival della canzone italiana con il brano Spalle al muro.

Come detto in precedenza, la carriera di Renato Zero è stata costellata di successi, tant’è vero che oggi ha all’attivo 44 album e ha scritto oltre 500 canzoni anche per altri artisti.
Non sempre la vita di un personaggio del mondo dello spettacolo è facile. Basta pensare che, per via del modo in cui il cantautore si presenta e per il suo stile trasgressivo e al contempo originale, più volte è stato additato come un omosessuale.
Al riguardo non sono mai arrivate conferme ne tantomeno smentite.

L’immenso dolore del cantante

Tra chi non faceva altro che disprezzarlo, c’è stato anche chi nel corso della vita è stato sempre accanto a Renato Zero. Uno di questi è stato Vittorio De Scalzi, il quale ha rappresentato una figura importante per il cantautore.

Quando l’uomo è venuto a mancare, Renato Zero ha dedicato un pensiero profondo all’amico.

Su Instagram, infatti, il cantautore ha pubblicato una foto seguita da queste parole: “Genova e l’Italia intera piangono la scomparsa di Vittorio De Scalzi.Io sono qui dalle 4:30 di oggi, che respiro un vuoto assoluto, di una perdita per me profonda ed incolmabile. Quello che tenterò di fare per Vittorio, è adoperarmi, affinché non vengano dimenticati, i suoi talenti e la sua lealtà nei confronti della musica e di chi lo ha amato profondamente come me! Vi chiedo una preghiera per lui”.