Sara Tommasi, il processo per stupro è giunto al termine: la sentenza è ufficiale

È finita ormai la vicenda di Sara Tommasi la quale ha visto terminato il processo per stupro di cui è stata protagonista.

Sara Tommasi ha voluto dire la sua dopo che il tribunale aveva rilasciato la sentenza che ha visto assolti tutti gli uomini incolpati di violenza sessuale. Tra questi è presente anche il suo ex manager Federico di Vincenzo. Attraverso il verdetto di primo grado si conclude questa torbido vicenda che ha avuto luogo 9 anni fa. Infatti non è intenzione della showgirl presentare ricorso.

Sara Tommasi ildemocratico.com 20221216
Sara Tommasi ildemocratico.com

«Non sono delusa dalla sentenza perché non ero in attesa né di una condanna nè di un’assoluzione». Queste le parole della showgirl che pronuncia nel momento in cui parla di una vicenda lontana che ormai fa parte del passato. Infatti è stata lei stessa ad affermare di aver preferito restare in disparte al punto da non essersi nemmeno costituita come parte civile.

La fine della vicenda

A voler rilasciare una dichiarazione è stato anche il marito Antonio Orso il quale, come leggiamo sul sito ilsussidiario.net, ha affermato che Sara ha ormai voltato pagina da diverso tempo, una cosa che è riuscita a fare anche grazie al matrimonio. Il processo è stato per lei oggetto di stress. Adesso finalmente può acquistare la sua tranquillità così da riprendere a lavorare.

In questi giorni la soubrette ricopre il ruolo di opinionista all’interno di un programma di cronaca trasmesso su TeleLombardia. Federico de Vincenzo, uomo che all’epoca era il suo manager è stato arrestato scontando nove mesi di carcere e 8 agli arresti domiciliari, ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma: «Dio c’è, quando ho saputo che ero stato assolto con formula piena sono scoppiato in un pianto liberatorio. In caso di condanna mi sarei attaccato al tribunale con le catene. In questi anni sono stato nell’ombra come mi ha consigliato il mio avvocato, ho sofferto per tante cose, ho visto distrutti la mia vita sociale, il lavoro, la reputazione. Qualcuno mi dovrà pur risarcire i danni che sono stati enormi».

Sara Tommasi foto rete ildemocratico.com 20221216
Sara Tommasi foto rete ildemocratico.com

L’unico che è stato condannato per la presunta violenza sessuale verso Sara Tommasi è stato Giuseppe Matera, il produttore cinematografico. Per lui sono stati decisi due anni e 10 mesi di carcere, una sentenza che è stata confermata anche in appello. Per quanto riguarda l’ex manager insieme a Fausto Zulli, Pino Igli Papali e il regista Max Bellocchio, la situazione è stata ben diverso. In quanti sono stati assolti dal tribunale di Salerno a seguito di un processo molto lungo in primo grado infatti non vi è stato nessun episodio di violenza sessuale.

Sara Tommasi affermava di aver subito violenza nel mese di settembre del 2012. La donna ha raccontato di essere è stata portata presso un albergo di Buccino così che potesse essere fotografata per realizzare un calendario di beneficenza. Una volta arrivata lì, secondo il suo racconto, Tommasi è stato drogata e costretta in seguito a girare un film porno affermando che quelle decisioni non venivano prese con il suo consenso in quanto incapace di intendere e volere.

Un processo ha avuto luogo nel 2013 ma che adesso finalmente si è concluso . Sarà questa la volta buona per Sara Tommasi di voltare definitivamente pagina e andare avanti con la sua carriera.