Laura Torrisi, il dramma affrontata della malattia non diagnosticata: “Finita in coma”

Una malattia all’improvviso che ne compromette anche il lavoro. Laura Torrisi parla del suo stato di salute e di come fa per controllarlo 

 

“Fino a qualche anno fa pensavo di avere un brutto carattere e di essere lunatica oltre ogni limite”. Così si dipinge Laura Torrisi quando ripensa a quel momento in cui ha capito che qualche cosa non andava. Il periodo così complicato dell’attrice per, non ha avuto incasso isolato, ma è avvenuto già in tenera età. Difatti era solo una bambina, 9 mesi, quando accade qualche cosa che spaventa a morte i genitori. “Mi hanno raccontato i miei genitori, e me la sono vista brutta: sono finita in coma”.

laura torrisi

Secondo le visite pediatriche si trattava di intolleranza al latte ma, in realtà, dietro c’era dell’altro. All’epoca, anche all’ospedale, dicono che si tratta di una brutta intolleranza e non di altro. Tuttavia, nonostante mangiasse tutto con tranquillità data la diagnosi, attacchi di diarrea e problemi intestinali erano all’ordine del giorno. Perciò, con la crescita, non si è risolto nulla per Laura Torrisi.

Ad un certo punto decide di dire basta e di correre ai ripari. Qualche cosa ci doveva pure essere. Nel 2008 ha così intenzione di sottoporsi ad una gastroscopia che, finalmente, svela l’arcano una volta per tutte. Lo stesso ospedale dove era andata prima, ora i medici non si riescono a spiegare come potesse condurre una vita normale nonostante le sue condizioni di salute.

Laura Torrisi e la scoperta della malattia

laura torrisi

La diagnosi rivela la malattia di Laura Torrisi al secondo stadio. Questo per i dottori diventa un grande punto di domanda. Le mostrano come sta il suo intestino. Solitamente, in un soggetto sano, è di colore rosa e lubrificato per una perfetta funzione. Invece, i suoi tessuti sono sofferenti, a chiazze violacee. Laura Torrisi ha la celiachia e, anche, da abbastanza tempo.

In casa, pertanto, c’è una vera e propria rivoluzione della cucina. Questo perché , per Laura  non è una questione solo di pane o pasta. Tutto ciò che contiene glutine la fa stare molto male. Perciò anche alcuni tipi di affettato, possono darle disturbi. La soluzione è leggere attentamente tutto ciò che contiene la sua spesa, e stare molto attenta ad evitare assolutamente tutto ciò che contenga glutine anche in piccolissime percentuali.

Laura si organizza sopratutto per quanto riguarda la sua vita lavorativa. Difatti, per evitare che ci siano contaminazioni sul pasto destinato a lei, fa sempre notare quale sia la condizione. Ma, per andare sul sicuro, ha sempre dietro qualche cosa con sé quando non è sicura al 100%.