“Subito dentro in codice rosso”: il ricovero d’urgenza affrontato da Antonella Clerici

La negativa esperienza di Antonella Clerici. Un ricovero d’urgenza e la paura di rischiare di morire, attimi di terrore 

 

La nostra Antonella Clerici, la simpatica conduttrice dal sorriso contagioso e la chioma d’oro, ci ha portati insieme a lei in tanti viaggi dal sapore di casa. Ricette a non finire ed un’amore per la cucina trasmesso dal piccolo schermo, abbiamo passato con lei attimi di pura passione e ricordo dei profumi di una volta. Però, al suo fianco, abbiamo anche vissuto alcuni momenti drammatici.

Antonella Clerici

Una risata contagiosa che ci ha fatto divertire e sognare in tante domeniche nel conforto dei salotti delle nostre case. Portata al grande pubblico grazie alle trasmissioni di casa Rai, negli anni ’80 inizia a farsi vedere come volto ricorrente, per poi approdare in posti di rilievoDomenica In ed Unomattina sono, senza ombra di dubbio, le trasmissioni più importanti che l’anno portata al successo.

Ma non dobbiamo dimenticarci de La Prova del Cuoco, il format che le ha permesso di raggiungere l’olimpo della notorietà. Per la 60esima edizione del Festival di Sanremo poi, Antonella Clerici arriva sul palco dell’Ariston come conduttrice e la sua performance piace agli spettatori.

Antonella Clerici, il dramma dietro il sorriso della conduttrice

Antonella Clerici

È sempre mezzogiorno, questo il programma che ha preso in mano dal 2021 e che non ha certo scalfito la sua verve e la sua professionalità. Difatti, anche con la nuova e fresca esperienza, Antonella Clerici dimostra che ha al suo seguito una percentuale di fan fedeli e che la seguirebbero ovunque. Poi però, un giorno, la serenità della vita della conduttrice di casa Rai si incrina in una frazione di secondo.

In un’intervista rilasciata a Ok Salute e Benessere, Antonella Clerici rivela un particolare dramma che ha rischiato di costarle molto caro. Difatti, la conduttrice stessa, spiega come per uno shock anafilattico ha realmente creduto che la sua vita fosse arrivata la capolinea. In un momento la corsa in ospedale fulminea, per riuscire a farla di nuovo stare bene, e nella confusione lei porta con sé una scatola.

“Ho rischiato la vita per uno shock anafilattico. Avevo preso un antibiotico di nuova generazione, mi sono sentita soffocare e mi è venuto un prurito terribile all’orecchio sinistro, come se ci fosse dentro una bestia, mi si è gonfiato il viso”. Una volta che entra al pronto soccorso con quella scatola tra le mani, tutta gonfia e respirava a malapena, per i medici era tutto chiaro.

Dovevano intervenire subito. Grazie al cortisone somministratole, per Antonella Clerici, oggi quello è solo un brutto aneddoto.