Vite al limite, ricordate J.T. Clark, il volto del programma? Oggi è irriconoscibile | Ecco com’è diventato

J.T. Clark, uno dei protagonisti di “Vite al limite”, ha subito un vistoso cambiamento fisico. Scopriamo insieme com’è diventato

In onda sulle frequenze di Real Time da ormai diversi anni, “Vite al limite” è una trasmissione che ha riscosso un ampio seguito anche in Italia. Le sue riprese avvengono infatti negli Stati Uniti, dove opera il celebre chirurgo di origini iraniane Younan Nowzaradan. Quest’ultimo è specializzato nelle tecniche di dimagrimento per pazienti che superano la soglia dei 250 kg.

 

J.T. Clark (Instagram)

Le condizioni di J.T. Clark nel momento in cui si è presentato dal medico erano appese ad un filo. Il suo peso aveva superato infatti i 400 kg, rendendogli impossibile praticare qualsiasi tipo di attività. In una situazione del genere il paziente non è in grado nemmeno di alzarsi dal letto per muovere alcuni passi, motivo per cui è stato necessario recarsi di fretta dall’esperto dottore.

La storia del trentaduenne ha appassionato molto il pubblico del programma, anche per via del drammatico passato che il paziente è stato costretto ad affrontare. Nato da una famiglia piuttosto povera, verso i 20 anni Clark era già obeso, tanto che poco tempo dopo ha dovuto lasciare il lavoro per gravi problemi di natura fisica.

J.T. Clark, ecco il suo cambiamento

Come se il problema della povertà non bastasse, nella vita di J.T. è subentrata un’altra situazione difficilissima da gestire. Gli ultimi risparmi della sua famiglia infatti, sono stati sperperati dai suoi genitori diventati tossicodipendenti, altro fattore che l’ha spinto a cercare rifugio nel cibo.

A salvare il trentaduenne statunitense che ormai stava sprofondando sempre di più ci ha pensato Jessica, una ragazza che ha conosciuto tramite una chat di incontri. È stata proprio quest’ultima a convincere Clark a recarsi dal dottor Nowzaradan, il quale lo ha accolto manifestando sin da subito la necessità di intervenire.

J.T. Clark (Websource)

Date le grandi difficoltà, J.T. ha avuto bisogno di un costante sostegno psicologico, grazie al quale ha superato le sue prime paure. Dopo l’operazione di bypass gastrico, il ragazzo ha iniziato a seguire una dieta scrupolosa abbinata ad un po’ di movimento fisico. Stando a quanto riportato dal sito internet della trasmissione, al giorno d’oggi il trentaduenne avrebbe perso quasi 200 kg.

Oltre alla netta perdita di peso, il paziente sta curando anche un enorme linfedema alla gamba che gli ha impedito di camminare per diverso tempo. Naturalmente il percorso di Clark non è ancora terminato, tuttavia possiamo affermare tranquillamente che si trovi sulla buona strada.