Infarto, colpisce sempre più persone: ecco i trucchi per scoprirlo in tempo

L’infarto è una malattia sempre più comune: ecco come prevenirlo

Oggi l’infarto è una delle malattie più diffuse in Italia e ogni anno colpisce sempre più persone. Le cause possono essere le più diverse, legate a problemi genetici o a un cattivo stile di vita, che può mettere a rischio il corpo e il corretto flusso sanguigno. Ma come prevenirlo e come accorgerci se stiamo per averne uno? Ecco qualche suggerimento.

 

L’infarto è anche chiamato “attacco di cuore” e si manifesta ogni qualvolta il flusso di sangue diretto all’organo non arriva correttamente. Di solito non è mortale se curato tempestivamente, ma se questo flusso non viene ripristinato in tempo, si possono avere delle conseguenze serie a causa della mancata affluenza dell’ossigeno.

Gli infarti rappresentano la principale causa di morte nei Paesi occidentali ed europei, ma per fortuna oggi esistono tanti trattamenti efficaci per prevenirlo o per curarlo in tempo. Ma come possiamo fare ad accorgerci che stiamo per essere colpiti da un attacco cardiaco? Ecco i sintomi più comuni.

Infarto, tutti gli accorgimenti per prevenirlo

L’infarto oggi è molto diffuso e colpisce prevalentemente uomini e donne dopo i sessant’anni di età. Se sospettiamo di stare per averne uno bisogna immediatamente chiamare l’ambulanza digitando il 118 e descrivere molto bene i sintomi. La tempistica, infatti, è importantissima: se il cuore smette di battere, smette anche di affluire ossigeno al cervello. Si stima che il cervello può rimanere senza ossigeno solo per pochi minuti senza manifestare in seguito dei danni permanenti.

Oltre a malattie genetiche, l’infarto è collegato soprattutto a un cattivo stile di vita. Obesità, vita troppo sedentaria, mancanza di sport e movimento, cattiva alimentazione e fumo sono solo alcuni fattori che possono portare a un attacco di cuore.

I sintomi che annunciano un infarto sono numerosi ed è fondamentale riconoscerli con un buon tempismo.

Come riporta healthy.thewom.it, un sintomo molto comune è un acuto dolore al petto, che si estende per tutto alla spalla, al braccio, alla schiena, fino ad arrivare anche ai denti e alla mandibola. Questo dolore è persistente e si manifesta attraverso delle fitte che durano pochi minuti. Seguono sudorazione, mancanza di fiato, nausea e vomito, sensazione di affaticamento per poi terminare con uno svenimento. Il dolore al braccio sinistro, per quanto sia molto famoso, non è poi così diffuso. I sintomi nelle donne sono leggermente diversi: oltre a quelli elencati, si aggiungono dolore addominale, cute umida e capogiri.