Amadeus vuota il sacco, la grande debolezza della sua vita: La sua carriera a rischio

Amadeus ed il grande difetto che si porta dentro. Lo ha rivelato lo stesso conduttore nel corso di una recente intervista

Se c’è un conduttore che negli ultimi anni è riuscito ad aumentare il maniera esponenziale il suo successo, questo è senza dubbio Amadeus. La sua carriera, dopo un periodo di appannamento, ha ritrovato grande verve grazie a quelli che sono stati i ruoli che gli sono stati affidati in questi anni. Il conduttore ha trovato una dimensione ormai più che consolidata in casa RAI, dove è diventato uno dei personaggi più rilevanti. Merito del grande lavoro fatto in questi anni, dove Amadeus ha mostrato grande professionalità ma anche delle capacità singolari, che gli hanno permesso di condurre per tre anni di fila uno degli eventi più importanti del paese.

 

Amadeus
Amadeus (web source)

Il ‘Festival di Sanremo‘, infatti, porta in calce la firma di Amadeus da ben tre edizioni. Un successo straordinario, premiato anche dai numeri che hanno dato ragione alla RAI voler fidarsi di Amedeo Sebastiani (il suo nome all’anagrafe). E cosi il successo della musica arrivata dal Festival, con l’esplosione dei Maneskin ma anche la vittoria di quest’anno di Blanco e Mahmood. Insomma, il lavoro è stato importante ed ha premiato l’emittente pubblica con ascolti altrettanto importanti.

Ecco perchè, già da adesso, si parla di quello che potrebbe essere un quarto Amadeus. Il pubblico ne sarebbe contento, ma sono anche i vertici RAI che hanno piena fiducia in lui. Lo si è capito anche durante i momenti di scambio con la stampa, dove più volte Amadeus è stato definito come il nuovo Pippo Baudo. E se qualcuno pensava che la presenza di Fiorello fosse fondamentale per la sua riuscita (con due edizioni consecutive in co-conduzione con Amadeus), il 2022 ha mostrato dal palco dell’Ariston che Amedeo ci è riuscito anche senza una spalla fissa.

Amadeus e la grande debolezza che si porta dietro

Amadeus
Amadeus (web source)

E cosi in questi mesi si è parlato tanto anche del personaggio Amadeus. Certo, non che il conduttore fosse nuovo al pubblico, ma anche banalmente la sua storia d’amore con Giovanna Civitillo è stata oggetto di chiacchiericcio mediatico. I due si amano tantissimo, e spesso anche durante le interviste questo aspetto viene rimarcato.

C’è un qualcosa, però, che Amadeus si porta dentro. Un punto debole, se cosi si può dire, che ha ovviamente anche condizionato la sua carriera. Ne ha parlato lui stesso nel corso di una recente intervista rilasciata ai microfoni di ‘Vanity Fair’. Il tutto spiegato a partire dal mancato tributo a Stefano D’Orazio dei Pooh nell’edizione del 2021.

Ho un difetto: voler fare troppo. Venendo da una famiglia del Sud, ho sempre avuto la tendenza ad abbondare con la cortesia per fare trovare agli ospiti molto da mangiare”, ha cosi cominciato a spiegare il conduttore. “Ho sempre voluto fare troppo – i 26 cantanti erano un modo per contribuire a far ripartire la musica -, ma il rischio è lasciare fuori delle cose importanti per strada, e di questo mi spiace”, ha chiarito Amadeus.