Bollo auto, se avete questa cosa non lo dovete pagare: questa legge la conoscono pochissimi

Per coloro che sono in possesso di alcuni requisiti c’è un’ottima notizia. Grazie ad una legge infatti, non sarà necessario pagare il bollo

In un momento di difficoltà economica per la maggior parte delle famiglie italiane, molte di queste saranno felici di apprendere la notizia di cui vi parliamo quest’oggi. Adesso più che mai è importante cercare di risparmiare in attesa che la situazione torni alla normalità, per questo è necessario in primo luogo limitare le spese superflue.

 

Immagine (Websource)

A contribuire ad alimentare la preoccupazione dei cittadini italiani e non solo c’è anche il discorso legato alla guerra. Tutti speravano che il conflitto tra Russia ed Ucraina si risolvesse nel giro di poco tempo, magari evitando la morte di civili innocenti che nulla hanno a che fare con questo tipo di questioni.

Purtroppo così non è stato, con il conseguente danno economico che continua a oscurare il cielo del nostro continente. Per i lavoratori è stato un colpo durissimo, dato che chiunque si è accorto dell’aumento vertiginoso delle tasse e dei costi energetici. Luce e gas hanno raggiunto dei costi incredibili, con bollette che in diversi casi sono addirittura triplicate rispetto ai mesi scorsi.

Bollo auto, ecco chi può non pagarlo

Molti di voi non sanno che, grazie ad alcune agevolazioni fiscali della legge 104, determinate categorie di invalidi e disabili hanno la possibilità di non pagare il bollo auto. Per poter usufruire di questa agevolazione, è necessario presentare la domanda con allegata documentazione direttamente dal sito dell’INPS.

Immagine (Websource)

Per la precisione, tale sgravo fiscale spetta a tutti i cittadini che, sfruttando la legge 104/92, hanno fatto in modo che gli venisse riconosciuto lo status di “soggetto disabile”. Per non creare eventuali equivoci, l’articolo 3 della suddetta legge chiarisce che il cittadino con handicap è: “Colui che presenta una minoranza fisica, psichica o sensoriale, stabilizzata o progressiva, che è causa di difficoltà di apprendimento, di relazione o di integrazione lavorativa e tale da determinare un processo di svantaggio sociale o di emarginazione”.

Ovviamente questo appena enunciato è un riassunto generale, dato che poi il provvedimento si può espandere anche ad altri soggetti con diversi tipi di disabilità, più o meno invalidanti. Per concludere invece, dobbiamo specificare che l’esenzione può spettare o al veicolo di proprietà dello stesso cittadino con handicap oppure, qualora egli non sia in grado di guidare, alla vettura di un parente che si è preso carico della situazione fornendo un supporto per accompagnarlo.