Un posto al sole, la tragedia che ha stroncato la protagonista: “Perdita di un figlio…” | Il dolore di una madre

Una delle attrici più famose della longeva soap opera di Rai 3 ha sofferto duramente a causa di una tragedia che l’ha devastata

I tanti telespettatori di “Un posto al sole” si sono affezionati con il passare del tempo ai protagonisti principali della telenovela. Alcuni di essi recitano un ruolo da moltissimi anni, come ad esempio l’attrice di cui vi parliamo quest’oggi. La donna è rimasta vittima di un drammatico lutto, a causa del quale la sua vita è profondamente cambiata.

 

Marina Giulia Cavalli (Websource)

Sulle pagine di Fanpage sono riportate le tristi parole di Marina Giulia Cavalli, famosa interprete di Ornella Bruni all’interno della soap opera girata per la maggior parte nelle vie del capoluogo della Campania. La splendida sessantunenne si è unita al cast di Un posto al sole nel 2001 e, a distanza di oltre vent’anni, continua ad essere tra le protagoniste indiscusse.

Purtroppo però, qualche tempo fa, Marina ha pianto per la tragica e prematura scomparsa di sua figlia. La ragazza si chiamava Arianna ed è venuta a mancare alla giovanissima età di ventuno anni.

Un posto al sole, il dolore di Marina Giulia Cavalli

La nota attrice ha ripercorso durante un’intervista il dramma che ha avuto luogo nel mese di novembre del 2015. La compianta figlia, nata dalla relazione con il suo ex marito Roberto Alpi, ha lasciato un vuoto incolmabile nel profondo del suo cuore.

“Quando perdi un figlio, perdi il senso, il tuo motivo per stare. Anche perché io diciamo che l’ho conquistato l’essere madre, non è mai stato un mio obiettivo nella vita, non era uno di quei desideri che dicevo ‘Mi sento realizzata’. […] Arianna c’è, non fisicamente, ma io la sento moltissimo. Mi sono avvicinata al buddismo, mi ha dato anche molto, però la mia radice è quella cristiana. Ricordo che da ragazzina ho sognato Gesù”, ha rivelato la Cavalli che per lenire la sofferenza ha cercato di trovare un aiuto nello spiritualismo e nella fede.

Marina Giulia Cavalli (Websource)

L’interprete di Ornella Bruni inoltre, ha confessato la grande difficoltà nell’accettare una sofferenza così immane: “A me hanno consigliato di andare da psicologi o psichiatri, ma a me non era sufficiente poter parlare dei miei traumi perché di trauma io e altri come me abbiamo la perdita oggettiva e terrena della perdita di un figlio, non abbiamo dei blocchi da sciogliere”.

Ad oggi sono passati ormai più di sei anni da quel maledetto giorno, durante i quali Marina ha cercato di andare avanti nella sua vita e nel suo lavoro di attrice, senza però dimenticare mai la sua compianta figlia.