Tragedia per la tv di Berlusconi, dopo l’incidente la drammatica confessione: “Per me è finito tutto” | Tristezza infinita

Un incidente verificatosi qualche tempo fa continua ad avere gravi ripercussioni nella vita della vittima. Ecco la drammatica confessione

Con l’estate ormai alle porte la maggior parte dei programmi televisivi è andata in pausa. Per i conduttori più famosi della tv italiana è giunta dunque l’ora di prendersi un meritato periodo di vacanza, prima di tornare a lavoro in vista della prossima stagione che si preannuncia ricca di colpi di scena.

 

Mediaset (Websource)

Il palinsesto sarà soggetto senza dubbio a diverse variazioni, come siamo stati già ampiamente abituati anche in passato. Proprio in queste ore tuttavia, il pubblico dei canali Mediaset ha ricevuto una notizia drammatica, pervenuta da parte di un uomo che ha subito un devastante incidente.

I danni da lui riportati sono serissimi, come rivelato nel corso di una recente intervista rilasciata sulle pagine de Il Corriere della Sera. L’uomo di cui stiamo parlando ha preso parte ad una puntata della trasmissione guidata da Paolo Bonolis intitolata “Ciao Darwin”. Lo sfortunato episodio è accaduto nell’aprile del 2019 ma, a distanza di anni, la situazione che sta vivendo la vittima continua ad essere estremamente grave.

Mediaset, dopo l’infortunio la triste confessione

L’incidente a cui facciamo riferimento è andato in scena durante la famosa prova del “genodrome”, alla quale i concorrenti sono chiamati a superare una serie di sfide piuttosto impegnative per accaparrarsi più punti possibili da assegnare alla propria squadra. Purtroppo però, un uomo il cui nome corrisponde a quello di Gabriele Marchetti è rimasto tragicamente infortunato durante questo tipo di sfida.

Gabriele Marchetti (Websource)

Intervistato dal Corriere della Sera, lo sfortunato concorrente si è lasciato andare ad uno sfogo: “Prima di quel giorno ero un uomo che faceva mille cose. Adesso per me è finito tutto”, ha esordito il signor Marchetti che da quel giorno è rimasto tetraplegico. In seguito ha continuato spiegando quei spaventosi momenti: “Ero finito in acqua a testa in giù, con le gambe rannicchiate e le braccia raccolte. Pensavo che sarei affogato perché non riuscivo a muovere nulla. Poi ho sentito i soccorritori che sono intervenuti immediatamente”.

Alla fine del suo discorso Gabriele ha lanciato una frecciatina anche al conduttore del programma Paolo Bonolis ed ai suoi collaboratori: “Paolo Bonolis non mi ha mai cercato per sapere come sto. Neanche persone a lui vicine mi hanno mai contattato. Soltanto qualcuno della produzione all’inizio si è fatto sentire per telefono e per mail con la mia famiglia per conoscere la mia condizione fisica. Si sono messi a disposizione per ogni eventuale nostra necessità. Poi però non ci sono stati altri contatti”.