“Vivi per miracolo”: la confessione di Fiorello

Fiorello, comico e showman ha fatto una confessione che ha preoccupato moltissimo i fan: ecco di cosa si tratta

I suoi spettacoli si rivelano sempre un successo garantito. Insieme ad Amadeus per circa due anni ha cambiato il modo di fare spettacolo regalando momenti di spensieratezza al Festival di Sanremo: stiamo parlando proprio di lui, Rosario Fiorello. Comico, showman, cabarettista e conduttore che ha saputo valorizzarsi al meglio cercando di trasmettere al suo pubblico i suoi bellissimi punti di forza. Egli, di recente ha fatto una confessione molto triste che ha lasciato tutti senza parole.

 

fiorello
curiosità sullo showman (foto web)

Un successo bellissimo quello raggiunto da Rosario Fiorello. Prima di arrivare all’apice della sua carriera, egli ha svolto svariati lavori come garzone in un barbiere, muratore, idraulico,  falegname e persino il centralinista per le pompe funebri Cacciaguerra di Augusta fino al 1975, quando comincia a lavorare in un villaggio turistico scalando tutta la gerarchia e arrivando a superare lo stipendio di suo padre. 

Un giorno, decise di sostituire l’amico deejay e regalò al pubblico momenti davvero esilaranti. In quella occasione, però, imparò un importante lezione che non ha più dimenticato: “non trattare male la gente, a non fare facili battute sulle signore anziane o sui signori sovrappeso. Ho sempre pensato, mi piacerebbe se al posto di quella signora ci fosse mia madre? No. Le battute è meglio farle sui potenti, su chi si può difendere”. 

Nonostante il carisma di Fiorello, la sua brillante interpretazione e il suo cabaret divertente non è stato inizialmente apprezzato da uno dei maestri della conduzione, Pippo Baudo. Egli in una intervista confessò: “Quando si fa un provino lo si fa di 5 minuti. Fiorello lo fece di 50. E io gli dissi: ‘Sei bravo ma Fantastico lo devo fare io no tu’. E lo scartai. Proprio io che mi vanto di averne scoperti tanti ho preso una toppata gigantesca”.

Di recente, il conduttore si è lasciato andare una lunga confessione circa il suo passato.

La dolorosa confessione di Rosario Fiorello

fiorello
confessione (foto web)

Rosario Fiorello si è lasciato andare ad una lunga intervista a Libero Quotidiano dove fa delle confessioni intime e delle rivelazioni sul suo passato.

Egli, ha parlato del legame con la sua famiglia e con sua mamma rivelando un aneddoto in cui oggi entrambi sono vivi per miracolo: “Mia madre si chiama Rosaria come me: quando stavo per nascere ebbe una complicazione molto grave, i medici la davano per spacciata e io con lei. Miracolo, alla fine ci siamo salvati tutt’e due. Io mi sarei dovuto chiamare Raffaele, come mio nonno, a quel punto mio padre decise di chiamarmi come mia madre. Rosaria Galeano detta Sarina”. 

Un altro momento molto doloroso nella vita di Fiorello è stata la scomparsa di suo padre: “Il momento più triste della mia vita è stata la morte di mio padre, aveva solo 59 anni, io ora ne ho 62 pensavo di non farcela a superare i 59. Stava ballando con mia madre, si è assentato un attimo: ‘Sarina ho dimenticato le sigarette in macchina, torno subito’, e l’hanno trovato morto seduto sul sedile”.